La magia di Matteo Berrettini nella partita contro Ugo Humbert

Il tennista romano ha sconfitto il francese in tre set


by   |  LETTURE 12842

La magia di Matteo Berrettini nella partita contro Ugo Humbert

Lo scorso anno, agli Us Open di New York, il nostro Matteo Berrettini si è reso protagonista di un torneo davvero spettacolare: dopo aver sconfitto Richard Gasquet, Jordan Thompson e Alexei Popyrin, il ventiquattrenne si qualificava per il suo primo ottavo di finale in carriera in un evento del Grand Slam.

Superato quindi anche il russo Andrej Rublev, Berrettini ebbe la meglio in una bellissima partita di Gael Monfils, battuto con il punteggio di 3-6 6-3 6-2 3-6 7-6. Ad aspettarlo in semifinale la testa di serie numero due Rafael Nadal, che ha interrotto la sua corsa in tre set.

Grazie anche a questo straordinario risultato, Matteo è riuscito ad issarsi per la prima volta in top 10 ed a qualificarsi per le prestigiose ATP Finals di Londra, terzo italiano di sempre a riuscire in questa impresa dopo Corrado Barazzutti nel 1978.

La sfida tra Berrettini ed Humbert

Quest’anno, Matteo occupa la sesta testa di serie a Flushing Meadows. Dopo aver superato per 7-6 6-1 6-4 il giapponese Go Soeda, Berrettini ha sconfitto anche il transalpino Ugo Humbert.

E’ stato proprio nel corso di questa partita – in un momento delicato come il 5-5 nel terzo parziale – che l’italiano ha estratto un vero e proprio coniglio dal cilindro: il tennista di Roma è riuscito a piazzare un magnifico diritto da fuori dal campo, facendolo passare al lato della rete.

Humbert, che pure era riuscito a mettere a segno un’ottima volèe alta, proprio non ha potuto fare niente su questo recupero dell’ex semifinalista di New York. Ad attendere Matteo al terzo turno sarà adesso il norvegese Casper Ruud, vittorioso su Emil Ruusuvuori.

Agli ultimi Australian Open di Melbourne, Berrettini si è fermato nel secondo match contro lo statunitense Tennys Sandgren, che lo ha estromesso dal torneo in cinque set. Si è trattato dell’unico appuntamento ATP disputato dal laziale prima della ripresa del circuito ad agosto, quando ha preso parte al Masters 1000 del Western & Southern Open di Cincinnati (sconfitto da Reilly Opelka in ottavi di finale).