Barcellona, O’ Connell si infortuna su match point ed è costretto al ritiro

Davvero incredibile quanto accaduto negli ottavi di finale dell’evento catalano


by   |  LETTURE 3403

Barcellona, O’ Connell si infortuna su match point ed è costretto al ritiro

L’australiano Christopher O’Connell è nato a Sydney il 3 giugno del 1994. Numero 112 del mondo nelle ultime classifiche ATP, il ventiseienne non ha mai superato il secondo di un torneo del Grand Slam (risultato conseguito agli ultimi Us Open, dov’è riuscito a battere Laslo Djere).

Impegnato questa settimana nell'appuntamento Challenger di Barcellona, in Spagna, l’australiano ha sconfitto nella prima partita il connazionale Alex Bolt col punteggio di 6-1 6-2. Seconda testa di serie nell’evento, O’Connell ha sfidato nel match successivo l’iberico Carlos Gimeno Valero, 19 anni ed entrato in tabellone grazie ad una preziosa wild card (attualmente è numero 534 del mondo).

La vittoria rocambolesca di Carlos Gimeno Valero

Il giovanissimo Gimeno Valero è arrivato a Barcellona pieno di fiducia, dopo aver vinto il suo terzo titolo ITF in quel di Sintra, Portogallo. Tuttavia O’Connell, dopo aver conquistato il primo set al tiebreak, è riuscito a raggiungere il match point nel secondo parziale, portandosi avanti per 5-2 e 40-30.

E’ stato però su questo importantissimo punto, fondamentale per la vittoria, che l’australiano è stato vittima di una brutta caduta dopo una difficile volée di rovescio, determinadone in pratica la sconfitta.

Il tennista di Sydney ha infatti chiamato il Medical Time Out, ma proseguire si è rivelato presto impossibile: O’Connell si è ritirato poco dopo, con la vittoria ormai ad un passo. Si tratta questa della terza edizione del Challenger catalano: nel 2018 a trionfare è stato il padrone di casa Roberto Carballes Baena, mentre l’anno scorso è stato il nostro Salvatore Caruso, vittorioso sullo slovacco Josef Kovalik.

Christopher O’Connell ha preso parte anche agli ultimi Australian Open, uscendo sconfitto al primo turno contro il russo Andrej Rublev per 3-6 6-0 4-6 6-7. Si è trattata della terza partecipazione in un torneo Major per l’australiano, che a Melbourne aveva giocato anche tre anni fa.