Spettacolo a Roma: veronica di Rafael Nadal e super punto di Schwartzman!

Il giocatore sudamericano non aveva mai sconfitto l’ex numero uno ATP


by   |  LETTURE 5017

Spettacolo a Roma: veronica di Rafael Nadal e super punto di Schwartzman!

Grazie alla vittoria sul nove volte campione di Roma Rafael Nadal, l’argentino Diego Schwartzman è approdato per la seconda volta in carriera nelle semifinali degli Internazionali BNL d’Italia, dove sfiderà adesso il giovane Denis Shapovalov.

Prestazione davvero magistrale da parte del tennista di Buenos Aires, che in due ore ha avuto la meglio di Rafa con il punteggio di 6-2 7-5. Prima di questa partita, Nadal aveva battuto nove volte su altrettanti scontri il povero Schwartzman, che comunque era già riuscito in numerose occasioni a mettere in difficoltà il fuoriclasse di Manacor.

La sfida tra Nadal e Schwartzman

Il match non è stato certo privo di ottimi scambi e fantastici punti, tant’è che successivamente Schwartzman l’ha definita la “miglior partita” della sua vita.

Da sottolineare la veronica di Nadal sulla palla corta dell’argentino, che è comunque riuscito a concludere il punto con una volée di diritto. Il sudamericano non sembrava ancora aver definitivamente ingranato la marcia dalla ripresa del Tour lo scorso agosto: sconfitto nel secondo turno di Cincinnati, Diego si era fatto sfuggire la possibilità di accedere al secondo turno degli Us Open dopo essere stato in vantaggio di due set contro il norvegese Casper Ruud, vittorioso per 7-5 al quinto.

A Kitzbuhel, quindi, Schwartzman è stato sorpreso nei quarti di finale da Laslo Djere. Già l’anno scorso Diego era stato in grado di raggiungere le semifinali di Roma, sconfitto in tre set da Novak Djokovic.

Non ci sono precedenti tra Shapovalov e Schwartzman, che si giocano adesso la possibilità di entrare o per lo meno avvicinarsi alla top 10 mondiale. L’altra semifinale vedrà in campo il numero uno ATP Nole Djokovic contro Casper Ruud, vincitore ieri sul nostro Matteo Berrettini.

Da non scordare la grande prestazione del diciottenne Lorenzo Musetti, che con gli ottavi di finale entrerà finalmente tra i primi 200 giocatori delle classifiche mondiali.