Matteo Berrettini esalta Jannik Sinner: bellissimo abbraccio a fine match

L'iconico messaggio del tennista romano sui social


by LUCA FERRANTE

Matteo Berrettini esalta Jannik Sinner: bellissimo abbraccio a fine match
© Twitter Davis Cup/fair use

Matteo Berrettini non è riuscito ad arrivare in buone condizioni fisiche a fine stagione per rientrare tra i convocati di capitan Filippo Volandri per le fasi finali di Coppa Davis. Nonostante le tante difficoltà avute, il tennista romano non poteva mancare all'appuntamento di Malaga per sostenere e incoraggiare i suoi compagni durante gli allenamenti e le partite.

Il giocatore 27enne ha dato un contributo morale importante dalla panchina: a fine match con la Serbia di Novak Djokovic l'ex finalista di Wimbledon ha salutato e abbracciato affettuosamente Jannik Sinner dopo l'impresa con Novak Djokovic e il doppio vinto insieme a Lorenzo Sonego: l'ex numero 6 del mondo lo ha elogiato con un 'Bravo' e sui social network lo ha paragonato a un alieno.

"Ho sempre saputo che Jannik avrebbe fatto tutto questo. È una cosa che si sente quando giochi con un tennista di alto livello. Mi sarebbe piaciuto essere alle Finals. Più che altro godermele come se le è godute lui.

L'episodio di Torino è stato la più grande delusione, ripensandoci, della mia carriera" ha dichiarato in un'intervista davanti ai media.

Domenica 26 novembre, a partire dalle ore 16, l'ultimo appuntamento per l'Italia in questa edizione 2023 di Coppa Davis che può diventare ancora più magica.

Gli azzurri dovranno battere l'Australia per riportare l'insalatiera 'a casa' dopo quella famosa edizione del 1976. Il primo singolare sarà forse determinante: il doppio australiano composto da Ebden e Purcell appare sulla carta imbattibile, mentre Sinner dovrebbe rispettare il pronostico contro Alex De Minaur, che ha sempre sconfitto nei precedenti (recentemente nel Master 1000 di Toronto per conquistare il titolo).

Matteo Berrettini Jannik Sinner