I riflessi mostruosi di Federer nella finale contro Isner

Risposte, difese e riflessi a rete. 37 anni e sentirli pochissimo

by   |  LETTURE 2546
I riflessi mostruosi di Federer nella finale contro Isner

Per rispondere coi piantati a ridosso della riga di fondo a un gigante come John Isner che si mantiene costantemente e ampiamente sopra i 200 chilometri orari di velocità, servendo dall'attico, a Roger Federer occorre avere dei riflessi che poco hanno a che fare col genere umano.

Come la (doppia) difesa del primo video: prima d'istinto riesce a neutralizzare la bordata lungolinea di Isner poi, attaccato nuovamente dalla parte del rovescio, esce in controbalzo con un passante addrittura vincente, freddando Isner che stava avanzando.

Più "semplice" questo secondo punto. Federer, in risposta, con un unico dritto riesce a ribaltare completamente l'inerzia dello scambio e poi, guadagnata la rete, si difende con un guizzo sul passante di Isner in contropiede.