I 5 migliori punti del Miami Open

Recuperi impossibili, volée magiche, tweener e passanti fantasitci. Quale colpo vi ha impressionato di più?


by   |  LETTURE 2059

I 5 migliori punti del Miami Open

Come a ogni grande torneo, l’Atp – tramite i suoi canali social – interroga i suoi follower su quale sia il miglior colpo ammirato. Il Miami Open, primo appuntamento ‘1000’ in calendario, non fa eccezione.

E tra i cinque ‘finalisti’ c’è tanta Italia come, del resto, i colori azzurri sono stati protagonisti durante la 10 giorni della Florida. Cinque punti straordinari, qualcuno di questi persino incredibile.

Non poteva mancare, naturalmente, il recupero micidiale con cui Jannik Sinner ha conquistato la palla break – poi trasformata e, quindi, decisiva – sul 4-4 del terzo set contro Khachanov. Ci sono anche i mille recuperi di Lorenzo Musetti contro Mmoh in uno scambio pazzesco, poi però terminato col ‘15’ intascato dall’americano.

C’è un tweener di Ruusuvuori, un passante fantastico di Tiafoe e una magica volée di Bedene con la pallina che, dopo essere atterrata nella metà campo di Nishokori, viaggia a ritroso scavalcando nuovamente la rete e tornando dallo sloveno.

Quale colpo vi ha impressionato di più?