Nick Kyrgios è una furia: spacca la racchetta e la getta sulle tribune

Ennesimo ‘siparietto’ del venticinquenne di Canberra


by   |  LETTURE 13152

Nick Kyrgios è una furia: spacca la racchetta e la getta sulle tribune

Ormai è risaputo: se sul tabellone del punteggio leggiamo il nome di Nick Kyrgios, allora lo spettacolo è assicurato. Pura combinazione di talento e follia, di genio e sregolatezza, l’australiano si è reso protagonista negli ultimi anni di vere e proprie scenate sul circuito ATP, con tanto di warning, punti di penalità e sedie rovesciate, solamente per citarne alcune.

La stessa cosa è accaduta poche ore fa a Melbourne, negli ottavi di finale del Murray River Open, dove Kyrgios si è trovato opposto al croato Borna Coric.

La rabbia di Nick Kyrgios

Dopo aver superato Alexandre Muller ed Harry Bourchier, il giocatore di Canberra ha avuto la peggio contro Coric, che lo ha sconfitto con il punteggio di 6-3 6-4.

Frustrato già ad inizio match per un problema al ginocchio, Nick aveva confessato ad un preparatore fisico: “Non riesco a servire senza provare dolore. Quando metto a terra il ginocchio mi pare di non riuscire a tenerlo fermo.

Giocherò forse solo un altro game. Sto servendo a qualcosa come 170 chilometri orari, mentre di solito raggiungo i 220”. Dopo aver subito il break anche nel secondo set, Kyrgios ha quindi spaccato a terra la propria racchetta e l’ha poi gettata nelle tribune, ricevendo ovviamente un nuovo warning dal giudice di sedia.

Si è trattata della quinta sfida tra l’australiano e Coric: si erano già affrontati quattro volte tra il 2016 e il 2019, con due vittorie per parte. Il croato ha successivamente perso nei quarti di finale contro Daniel Evans e si presenterà adesso agli Australian Open, dove ha raggiunto il quarto turno due anni fa (battuto da Lucas Pouille).

Oggi fuori dai primi 20 giocatori del mondo, Borna è stato 12° a fine 2018, poco dopo aver disputato la prima finale della carriera in un evento Masters 1000. Il suo ultimo successo sul Tour risale all’estate dello stesso anno, vittorioso ad Halle su Roger Federer.

Lo svizzero farà il suo rientro sul circuito dal Qatar Open di Doha, dove ha già sollevato il trofeo in tre occasioni.