Tennis World Italia
Tennis World
Rivista Tennis World
FRIULI VENEZIA GIULIA

Finale slovena al 10° citta' di Staranzano

-  Letture: 1062
by Fausto

Con il conforto tangibile della banca BBC e di alcuni puntuali sponsor, Giuliano De Cet e Nora Bendiab riescono a ben gestire la consistente affluenza di 163 concorrenti, stabilendo una nuova vetta per il torneo ormai assurto alla terza categoria.

Il numero dei partecipanti diventa significativo, per il dinamico circolo della Bisiacaria, in rapporto ai solo due campi a disposizione ed al rispetto dei tempi canonici sostenuti in calendario. Nella piovosa giornata dei verdetti, spazio alla chiusura del tabellone dei Quarta categoria e subito il tennis amatoriale plana su passione e volontà.

Sul mattone tritato indoor si affrontano il beniamino di casa Piero Tognetti ed Eduardo Esteban Savino, portacolori del Ct Ferriera di Trieste. Due tipologie diverse di maturi giocatori con stile di gioco diametralmente opposto.

Il triestino dal palleggio sempre meditato, gambe da mezzofondista e tigna per non abbandonare nessuna palla profonda o in cross, il goriziano con tiri molto arcuati di rovescio, intervallati da improvvise accelerazioni di dritto.

Pochi i back difensivi e rare le incursioni verso la rete per un confronto piantato a fondo campo. Parte bene Tognetti che va in vantaggio sul 4-1, ma il rivale aggiusta mira e traiettorie, risale pazientemente lo score fino al 5 pari, fino ad afferrare il primo set con il punteggio di 7-5.

Nel secondo tempo, Tognetti incomincia a risentire pesantemente la fatica, i vincenti diventano occasionali, gli errori si moltiplicano, le forzature di dritto, per uscire dal palleggio mortifero, non scalfiscono l'aplomb difensivo del rivale che replica indirizzando palle morbide vicine ai corridoi.

Così il punteggio di 6-1 a favore di Savino diventa lo specchio fedele dei valori, quelli visti scorrere nella seconda parte. Eccoli pronti per la finale dei Terza categoria! Sono ancora loro: i due sloveni 3.1 della valle dell'Isonzo, amici e compaesani, pronti a sfidarsi nuovamente sui campi di Staranzano.

Va detto che ai due finalisti, Bor Zorzut e Matic Bevcar, la terza categoria vada piuttosto stretta, ma é tutto merito della loro accurata gestione nei tornei del Friuli Venezia Giulia, qual tanto che non li proietti tra i seconda con trasferte più disagiate ed oppositori più agguerriti.

Della loro certosina cura ne fanno le spese i due semifinalisti Alberto Milana del Tennis Campagnuzza, superato da Zorzut per 6-2 6-0 e soprattutto Alessandro Bernadini del Tc Grado, secondo del seeding, costretto a fare le valigie da Bevcar per 3-6 6-3 6-2.

Subito spettacolo con tennis solido, scambi spacca caviglie ed energia che sprizza ad ogni botta filante. Il risultato del primo parziale s'incentra sul break subito da Zorzut al nono fatidico gioco, dopo uno scambio durissimo fatto di traccianti veloci filo rete e recuperi di grande atletismo.

Nel secondo set, appare, però, evidente come Zorzut, vincitore della scorsa edizione, non sia fisicamente integro: cerca continuamente di distendere il braccio destro, fatica ad intuire le poderose battute, è in ritardo negli spostamenti e sembra piuttosto costipato.

Le smorfie di dolore s'infittiscono e proseguire diventa un tormento. Per un lottatore tenace come lui é inusuale arrendersi, ma è costretto al ritiro, lasciando il collega appropriarsi del titolo, grazie allo score di 6-4 4-1.

Alla consegna delle coppe il sindaco della cittadina Riccardo Marchesan, il responsabile della BCC locale, il consigliere Fit Michele Comuzzi con il presidente Antonio De Benedittis, dirigente che non manca d'encomiare il presidente Giuliano De Cet per l'avviamento della scuola tennis, diretta dalla maestra Raffaella Barducci.

fausto serafini .

Powered by: World(129)