La campionessa di Roma Iga Swiatek svela i miglioramenti rispetto all'anno scorso

La numero 1 del mondo Swiatek: "Sono davvero orgogliosa di come ho giocato in queste settimane"

by Andrea Tebaldi
SHARE
La campionessa di Roma Iga Swiatek svela i miglioramenti rispetto all'anno scorso
© Mike Hewitt-Getty Images

Iga Swiatek è la giocatrice più forte del mondo sulla terra battuta in questa fase. Doppietta Madrid-Roma per la tennista polacca che arriva al Roland Garros, al secondo Slam della stagione, decisamente come favorita per il titolo nel singolare femminile.

Non c'è stata partita nella finale del Foro Italico con Aryna Sabalenka nettamente battuta. "Sono davvero orgogliosa di come ho giocato in queste settimane – ha spiegato Swiatek in conferenza stampa - Ho sfruttato le mie possibilità, ho messo pressione sulle mie avversarie in ogni momento e sono riuscita a fuggire dalle situazioni di difficoltà, senza mettermi troppa pressione e giocando quei punti al meglio".

Iga Swiatek arriva a Parigi come prima favorita

Swiatek andrà a Parigi per cercare di conquistare un altro titolo al Roland Garros, torneo che ha già vinto tre volte, nel 2020, nel 2022 e nel 2023. "So che sarò la favorita – analizza Swiatek - perché arrivo da numero 1 al mondo, ho grande fiducia e sto giocando un ottimo tennis.

So che gli Slam sono diversi ed è per questo che voglio rimanere umile e concentrarmi. Io non do nulla per scontato, dovrò lavorare molto duro se voglio vincere lì". Swiatek poi ha parlato dei miglioramenti avvenuti nel 2024: "Quest'anno sono molto meno concentrata su tutto ciò che riguarda la classifica e i punti che difendo in ogni torneo.

L'anno scorso ho giocato un po' in ansia questo periodo perché sentivo che potevano portarmi via il numero 1 e ho dato troppa importanza a questo. Su questo sono migliorata rispetto all'anno scorso. Questi non sono mai pensieri utili, significa sprecare energie".

E ha chiuso: "Mi ha dato fiducia finire bene il 2023 perché mi ha dimostrato che, anche se si viene da brutti tornei, le cose possono sempre cambiare".

Iga Swiatek
SHARE