Da Roma alle Olimpiadi: il sogno di Paolini ed Errani è più vivo che mai

Le due giocatrice azzurre hanno raggiunto le semifinali a Roma

by Antonio Frappola
SHARE
Da Roma alle Olimpiadi: il sogno di Paolini ed Errani è più vivo che mai
© FITP

Dal nostro inviato - La coppia formata da Jasmine Paolini e Sara Errani funziona, ed è un'ottima notizia considerando che quest'anno si disputeranno i Giochi Olimpici di Parigi 2024. Il sogno delle due azzurre deve spingersi fino alle Olimpiadi trovando ovviamente spazio anche negli eventi WTA 1000 e nei tornei del Grande Slam.

Paolini ed Errani hanno trionfato a Linz lo scorso febbraio, ma l'obiettivo resta quello di raggiungere vette ancora più grandi. Ed ecco che a Roma avranno la chance di regalarsi un 1000 di fronte al pubblico di casa.

In semifinale ci sarà la sfida con Caroline Dolehide e Desirae Krawczyk con la spinta di un Foro Italico che risponderà presente.

Da Roma ai Giochi Olimpici di Parigi 2024: il sogno di Paolini ed Errani è più vivo che mai

“Oggi è stata davvero un’esperienza incredibile: il pubblico è stato pazzesco.

Lo scorso anno a Parigi ho chiesto a ‘Jas’ se potevamo giocare il più possibile insieme per provare a qualificarci per le Olimpiadi: non so in questo momento come siamo messe ma penso abbastanza bene. Dobbiamo mettercela tutta per provare a sognare, perché sicuramente per me i Giochi sono uno dei sogni più grandi.

Io sto più a rete, ‘Jas’ più a fondo campo" , ha detto Errani al termine del match vinto contro Jelena Ostapenko e Lyudmyla Kichenok. A rendere migliore la giornata di Paolini è stato soprattutto l'affetto degli spettatori che hanno gremito il Pietrangeli.

"Non me l’aspettavo per il doppio un supporto del genere. Chiamata di Errani? Ero lusingata, avevo già giocato con lei: sul campo mi indirizza e così sono tranquilla e mi diverto. Io, ma anche il mio coach Renzo Furlan, le facciamo sempre un sacco di domande e lei mi ha aiutato davvero tanto.

Giocare in doppio non cambia troppo il mio modo di allenarmi e poi credo che, pur lavorando in modo diverso, mi aiuti a crescere e migliorare” . Infine un pensiero allo costante presenza della capitana Tathiana Garbin. "È bello averla in tribuna a seguirci, vedere che sta bene: il suo supporto sempre molto importante” .

SHARE