Wta Abu Dhabi - Rybakina sfata il tabù Samsonova: in finale affronterà Kasatkina



by ANTONIO FRAPPOLA

Wta Abu Dhabi - Rybakina sfata il tabù Samsonova: in finale affronterà Kasatkina
© Christopher Pike/Getty Images

A contendersi il titolo al torneo WTA 500 di Abu Dhabi saranno Elena Rybakina e Daria Kasatkina. La kazaka è finalmente riuscita a sfatare il tabù Liudmila Samsonova interrompendo la striscia di quattro sconfitte su altrettante partite disputate contro la russa.

La 25enne aveva infatti battuto quattro volte Rybakina: due a Montreal, una a Tokyo e Pechino. La campionessa di Wimbledon 2022 ha conquistato la sedicesima finale in carriera superando la sua avversaria con il punteggio di 6-0, 4-6, 6-2.

Rybakina è stata spietata nel primo set e, approfittando della brutta partenza della rivale, non ha lasciato per strada nemmeno un game.

Wta Abu Dhabi - Rybakina sfata il tabù Samsonova: in finale affronterà Kasatkina

Quando la partita appariva ormai ben salda nelle sue mani, Rybakina ha però vissuto un profondo passaggio a vuoto e ha perso quattro giochi su cinque a inizio secondo parziale.

Samsonova ha ringraziato e gestito con cura il vantaggio agguantando un insperato terzo set. Rybakina ha ritrovato subito il suo tennis e messo le cose in chiaro sul 2-1, quando ha breakkato Samsonova senza esitare. Avanti 5-2, la kazaka non si è più distratta e ha sorpreso nuovamente in risposta la giocatrice russa.

Quella tra Kasatkina e Beatriz Haddad Maia si è rivelata una semifinale dai mille volti caratterizzata da un infinito numero di scenari diversi e in contrasto tra loro. A spuntarla in quasi tre ore di gioco ci ha pensato alla fine Kasatkina con il punteggio di 6-3, 4-6, 7-6( 2) .

Nel primo set è andato in scena il festival del break e l’unica a tenere due volte il servizio - ovvero la russa - ha portato a casa il premio più importante. Kasatkina è partita bene nel secondo, ma ha smarrito la strada sul più bello cedendo in due occasioni di fila la battuta.

Haddad Maia ha acquisito fiducia e pareggiato definitivamente i conti con merito. Due volte sotto di un break nel set decisivo, la tennista classe 1997 ha avuto il merito di non arrendersi mai e guadagnato il tie-break dopo aver cancellato altre quattro pericolose chance.

Un tie-break che ha controllato senza problemi e completamente slegato dall’andamento del match. La finale del torneo di Cluj-Napoca vedrà invece scendere in campo Karolina Pliskova e Ana Bogdan. La ceca ha sconfitto con un doppio 6-3 la qualificata Harriet Dart; mentre Bogdan si è aggiudicata il derby rumeno con Jaqueline Cristian.