Coco Gauff e il primo successo Slam: "Mi ha responsabilizzato"

L'americana è approdata senza perdere set ai quarti di finale

by Nicola Penta
SHARE
Coco Gauff e il primo successo Slam: "Mi ha responsabilizzato"
© Daniel Pockett/Getty Images

La prima tennista ad essere approdata ai quarti di finale degli Australian Open è stata Coco Gauff. L’americana ha superato agevolmente la polacca Magdalena Frech con il punteggio di 6-1 6-2 in appena un’ora di gioco e sfiderà l’ucraina Marta Kostyuk per un posto in semifinale.

Gauff confronta il percorso agli Us Open in cui ha trionfato e gli AO

Nella classica conferenza post-partita la nativa di Atlanta ha esordito parlando dell’influenza dei genitori nella propria crescita dicendo: “Penso che sia sempre stato mio padre a prendere le decisioni.

Ora ha fatto un passo indietro nel ruolo e ha detto semplicemente: sono qui se hai bisogno di me, ma non prenderò decisioni per te ma posso darti consigli. Non c'è mai stata alcuna reazione negativa. Penso che sia proprio così che mi hanno sempre cresciuto, permettendomi lentamente di vedere il dietro le quinte e insegnandomelo.

Ho molto da imparare. Direi che la fine dell’anno scorso è stata come l’inizio per dare davvero di più a me stesso fuori dal campo”. Gauff ha continuato rispondendo ad una domanda sulle qualità atletiche che la contraddistinguono.

“Ho praticato atletica leggera e basket. Penso che sarei stata brava nei 400 metri. Le uniche volte in cui sono in pista è per il cardio, e ne stiamo facendo molto. Forse ne parlerò al mio preparatore atletico e vedrò se può fare una sessione solo per vedere quale sarebbe il mio tempo.

Sono esplosiva. Penso che i 400 sarebbero stati la mia gara. In questa bassa stagione cerchiamo sempre di includere il cross-training. Ho fatto un po' di nuoto, un po' di corsa. Ho sempre saputo che il tennis sarebbe stata la mia passione.

Consiglio sempre ai genitori e solo ai bambini di non chiudersi in una scatola così presto, anche se sai quale sarà il tuo sport principale. Rimarrai sorpreso di quanto possano essere utili altri sport. Un'altra persona che conosco praticava un altro sport era Ben Shelton.

Era un quarterback. Il suo servizio è incredibile. Mio padre, da quando avevo otto anni, mi faceva lanciare palloni. Penso che questo aiuti solo i tuoi movimenti e la memoria muscolare” ha sottolineato la campionessa degli US Open 2023.

Infine, la tennista a stelle e strisce ha concluso comparando il percorso agli US Open e quello avuto in questi AO dichiarando: “Agli US Open, ogni partita che ho vinto era praticamente come un combattimento. Ho giocato contro giocatrici di alto rango.

Questo è il motivo per cui ho avuto così tante partite lunghe. A volte penso che non so se sia il modo ideale per vincere uno Slam perché devi durare sette partite. Entrando in questo, ho sempre avuto l'obiettivo di cercare di fare meglio nei primi due round non stressando troppo mente e corpo.

Adesso ho 19 anni, ma probabilmente non sarò sempre in grado di riprendermi così velocemente fisicamente e mentalmente. Tutto quello che faccio è sempre stato finalizzato alla longevità della mia carriera, assicurandomi di poter avere una lunga carriera”.

Coco Gauff
SHARE