Coco Gauff parla del presunto omaggio a Serena Williams: fan spiazzati

L'americana ha superato agilmente il primo turno degli

by Nicola Penta
SHARE
Coco Gauff parla del presunto omaggio a Serena Williams: fan spiazzati
© Julian Finney/Getty Images

Prosegue il periodo magico dell’americana Coco Gauff che ha vinto 24 degli ultimi 27 incontri disputati. La striscia è iniziata nel Masters 1000 di Cincinnati e continua al termine del primo turno degli AO conquistato contro Schmiedlova con il punteggio di 6-3 6-0.

Gauff ha risposto alle domande dei media in conferenza stampa partendo dal presunto omaggio a Serena Williams. “Sì. Quando ho visto quel tweet ho mandato un messaggio al mio agente. Ero tipo, non ricordo di averlo mai detto.

Poi la persona ha risposto o qualcosa del genere ed era un tweet falso. Il loro account diceva di non prendere le cose sul serio. Poi ho capito che era falso. Non era questo il processo di pensiero dietro tutto ciò. Adoro Serena e penso che abbia il miglior stile in campo e fuori dal campo e tutto il resto.

Quindi sì, non era un omaggio a lei, ma era divertente il modo in cui quel tweet circolava” ha spiegato la classe 2004.

Gauff si sofferma sugli incontri notturni e dei miglioramenti al servizio

La campionessa degli US Open si è focalizzata sul lavoro al servizio fatto con la leggenda Andy Roddick dicendo: “E' un ragazzo davvero tranquillo.

L'ho incontrato prima ma mai, ovviamente, a quel livello. Sono andata a Charlotte per due giorni. Penso che il mio servizio sia migliorato. Devo solo continuare a fidarmi di tutto il lavoro che ho fatto in offseason. Probabilmente è uno dei migliori server della storia, soprattutto di quella americana.

Quindi non penso che avrei potuto trovare qualcun altro migliore per aiutarmi in questo. Ma voglio diventare una giocatrice al servizio più aggressiva e sento che quando ho il servizio attivo, sto giocando bene. Penso che sia stato più un cambiamento mentale.

Sai, abbiamo fatto solo un leggero cambiamento, aiutandomi solo con il lancio. Penso che quando ho la mentalità del servizio aggressivo è allora che gioco il mio miglior tennis. Non è tanto il motivo per cui il mio servizio non risulta difficile.

Spero di poter continuare ad avere quella mentalità aggressiva. Penso di giocare il mio miglior tennis quando lo faccio”. L'originaria di Atlanta ha continuato affermando: “Ieri sera stavo guardando la partita di Novak.

Non conoscevo il giocatore con cui giocava. Tutti pensavano che avrebbe vinto il suo primo round in set piuttosto veloci, per questo hanno messo Aryna dopo, pensando che avrebbe iniziato prima. Alla fine è diventata una partita di tre, forse di più.

Sono andato a dormire prima che fosse finito. È una cosa difficile perché, la sera e possiamo ottimizzare gli spettatori, ma dobbiamo anche proteggere la salute dei giocatori. È come una linea sottile. Personalmente, se dovessi giocare la partita femminile di notte, mi piacerebbe giocare la prima partita notturna e non la seconda.

Ma allo stesso tempo è dura con Novak che ha vinto più volte di quanto io possa contare." Infine, Gauff ha parlato del rapporto con la propria famiglia sottolineando: "È difficile restare in contatto, soprattutto con i miei fratelli in generale.

Codey ha 16 anni.Il più giovane ha 10 anni,non vuole parlare a lungo.Queste relazioni sono incredibilmente importanti per me,sono abbastanza fortunata da poter avere i miei genitori e la mia famiglia a volte con me, ma questo mi ricorda che sono una persona, mi ricorda che il mio valore è più di quello che faccio in campo.Penso che quando ricordo sempre a me stesso queste relazioni riesco a giocare più libero e so che le persone mi amano indipendentemente da come lo faccio."

Coco Gauff Serena Williams
SHARE