Naomi Osaka torna a parlare: "Sentivo che era necessario"



by   |  LETTURE 1626

Naomi Osaka torna a parlare: "Sentivo che era necessario"

Naomi Osaka si rese protagonista nel Roland Garros del 2021 quando decise di non partecipare alla conferenza stampa a causa della sua salute mentale a causa che non stava passando un bel periodo e che quindi non era pronta ad affrontare le domande dei giornalisti
“Gli organizzatori ignorano la salute mentale degli atleti” aveva dichiarato in un’intervista prima del torneo per giustificare questa sua decisione.

Dopo questo periodo, la nipponica aveva deciso di prendersi una pausa per ricaricare le pile a causa del fatto che avesse sofferto di depressione ed attacchi di panica dopo la vittoria del suo primo slam. Il 2022 della giapponese è stato quindi lontano da interviste e riflettori con la tennista che ha risalito parzialmente la china della classifica attestandosi alla 42esima posizione.

Naomi Osaka, dopo tanto tempo, è tornata a parlare e l’ha fatto al programma The Late Show con Stephen Colbert "Sentivo che era necessario, ma in quel momento mi sentivo un po' in imbarazzo perché come atleta ti dicono di essere forte e di superare tutto, ma credo di aver imparato che è meglio riorganizzarsi e adattare le sensazioni che hai in quel momento in modo da poter tornare più forte.

Non avrei voluto altro perché ho imparato molto in quel periodo".

Le Olimpiadi hanno aiutato Naomi Osaka

Inoltre, la giocatrice giapponese ha dichiarato che il cambiamento di mentalità è avvenuto durante le Olimpiadi di Tokyo, dove ha visto molti atleti che conosceva e ammirava preoccupati per la sua situazione, il che le ha fatto capire che non era sola: "Sono rimasto a casa mia per un po' di tempo dopo che è successo tutto.

Ma poi sono andata alle Olimpiadi e c'erano così tanti atleti che mi hanno avvicinato e sono rimasta davvero sorpresa e onorata perché si tratta di persone che vedo in TV e che mi piacciono, mi sono sentita davvero grata e supportata".

Per la Osaka, questa pausa è stata fondamentale: "Mi hanno sempre insegnato a resistere o a superarlo, e credo che sia una lezione molto preziosa perché mi ha aiutato a superare molte cose nella vita. Ma c'è stato un momento in cui mi sono detto: "Perché?".

E non in modo negativo, ma se mi sento così, perché dovrei continuare ad andare avanti, quando posso affrontarlo e risolverlo e poi continuare il mio viaggio?".