Il saluto commosso di Maria Sharapova a Bollettieri: “Una cosa rara”



by   |  LETTURE 3673

Il saluto commosso di Maria Sharapova a Bollettieri: “Una cosa rara”

Ha suscitato grande trasporto e commozione la notizia della morte del celebre coach Nick Bollettieri, avvenuta pochi giorni fa. Fiumi e fiumi di parole e dediche sono arrivate dall’intero mondo del tennis, in particolare da chi ha avuto la fortuna di essere guidato/a da Nick per un certo periodo della propria carriera.

Tra questi, l’ex numero 1 del mondo Maria Sharapova, che si iscrisse alla nota accademia di Bollettieri all’età di nove anni. “Hai acceso le luci della palestra alle 5 del mattino con il sorriso più luminoso (e più bianco!)”, ha scritto la russa su Twitter.

“Hai aperto la porta di casa tua, il terreno su cui ci hai dato la libertà di versare il nostro cuore e il nostro sudore. Il tabellone non ha mai dettato il tuo impegno a presentarti per noi. È una cosa rara!” .

Sharapova: “Il suo impatto su di me è stato immenso”

Se la carriera di Maria Sharapova è stata quella che è stata è certamente merito del suo innato talento tennistico, ma senza dubbio un grosso contributo lo ha dato proprio Nick Bollettieri.

L’anno della svolta fu il 1993, quando la piccola Maria (all’epoca aveva 6 anni) conobbe la leggenda Martina Navratilova, la quale vide in lei un potenziale fuori dal comune e dunque consigliò ai suoi genitori di iscriverla alla IMG Academy, diretta proprio da Nick Bollettieri.

Essendo troppo piccola, Maria dovette aspettare il compimento del nono anno d’età per potervi entrare e lo fece grazie a un finanziamento della IMG che, vedendo il suo enorme talento, pagò la retta annuale (che ammontava alla somma di 35mila dollari).

A inizio 2022, Maria Sharapova aveva rilasciato una intervista nella quale sottolineava l’ascendente che Nick Bollettieri ha avuto su di lei e quanto i suoi saggi consigli siano stati determinanti al fine di ottenere una carriera di successo quale ha avuto.

“L'impatto che Nick Bollettieri ha avuto su di me, sulla mia famiglia e su molti dei miei cari è stato immenso”, aveva dichiarato la Sharapova. “Si impegnava sempre al massimo e non perché fossi una grande tennista.

Lo faceva perché si preoccupava davvero di quelle persone. Non riesco a pensare ad altre persone, allenatori o mentori, che nel corso della mia carriera abbiano avuto un impatto così forte sulla mia vita” .

Photo Credits: Twitter Maria Sharapova