Wta Toronto - Halep mette fine al sogno di Haddad Maia: 24° titolo per la rumena



by   |  LETTURE 4769

Wta Toronto - Halep mette fine al sogno di Haddad Maia: 24° titolo per la rumena

Il sogno di Beatriz Haddad-Maia trova una conclusione ai piedi del successo. A mettere un freno alla straordinaria cavalcata in Canada della tennista brasiliana, ovviamente la prima a raggiungere un risultato del genere nel circuito maggiore, la sempiterna Simona Halep.

Già due volte campionessa del torneo nel 2016 e nel 2018. La tennista rumena vince una partita rognosissima con un rocciosissimo 6-3 2-6 6-3, aggiunge la ventiquattresima perla alla collana dei titoli e ritorna a occupare la sesta posizione del ranking.

La brasiliana occuperà invece il sedicesimo gradino delle classifiche mondiali.

Halep fa e disfa ma alla fine vince: 24° titolo in carriera

Partenza abbastanza disordinata, come da logica delle cose, con la tennista brasiliana che prende il controllo della situazione sul 3-0 grazie a uno sciagurato primo turno di battuta della due volte campionessa del torneo, che sporca il taccuino con quattro doppi falli.

Halep, che tenta ovviamente di allungare il numero degli scambi prolungati e di punzecchiare la diagonale sinistra di Bia, alla quinta opportunità utile - peraltro nel quinto game - trova le chiavi per rientrare in carreggiata addirittura grazie a un ace nel finale.

Il ritmo si alza, Haddad Maia si ritrova a giocare completamente fuori dalla comfort zone e soprattutto a subire lo snervante pressing della tennista rumena. Halep, che elimina sostanzialmente gli errori non forzati dal piano strategico e che domina il confronto da fondocampo, completa il brutale parziale di 6-0 e incassa ovviamente la prima frazione dopo poco meno di cinquanta minuti di gioco.

Le dinamiche della sfida cambano completamente nel secondo set, con Halep che accorcia con il rovescio nel corso degli scambi prolungati e 'Bia' che mette i piedi in campo con prepotenza. Il risultato è un dominio da parte della tennista brasiliana che arpiona il doppio break e chiude alla prima situazione utile con la battuta a disposizione.

Il delicatissimo pendolo che regola gli equilibri della sfida nel rush finale fatica a prenere una direzione. Halep, che cancella una manciata di palle break in avvio e che ne manca altrettante per mettere la testa avanti sul 3-0, si riappiccica sul 30-30 nel quarto game e sfrutta un errore in fase di impostazione.

Decisivo per la vittoria. Chiamata a difendere il break di vantaggio, Halep fa valere la maggiore esperienza e soprattutto adotta un piano tattico più difensivista nel tentativo di forza 'Bia' a forza con il dritto. Con la battuta a disposizione sul 5-3, la rumena non sbaglia e alla prima occasione utile chiude la pratica.