Il bellissimo messaggio di sostegno di Chris Evert per Jelena Dokic



by   |  LETTURE 1857

Il bellissimo messaggio di sostegno di Chris Evert per Jelena Dokic

Non è affatto un momento semplice per l'ex tennista ed ex numero 4 al mondo Jelena Dokic. Gli ultimi mesi non sono stati semplici, la donna ha vissuto la rottura della storia con il suo fidanzato ed ha raccontato l'infanzia con molestie psicologiche e fisiche del padre.

Diverse persone del mondo dello sport e del tennis hanno lanciato messaggi, appelli e tante significative parole nei confronti della tennista. Tra queste uno dei messaggi più significativi è stato quello dell'ex tennista Chris Evert, che, commentando il post della Dokic, ha postato un tweet per sostenerla.

Ecco le sue parole: "Sei una donna forte! Hai grande amore attorno a te e supporto anche da lontano", il post sì è concluso con emoji di grande affetto. Ecco il post Twitter:

Le parole della Dokic

Il post social di Jelena Dokic ha avuto grande risonanza mediatica, soprattutto pensando al problema di salute mentale per i tennisti.

Più volte in passato la campionessa giapponese Naomi Osaka ha parlato di questo problema e il post della Dokic ha portato tutto di nuovo in voga. Le parole dell'ex tennista sono senza dubbio molto forti e risuonano tra gli appassionati.

Ecco le parole del post Instagram:

"28 aprile 2022. A momenti saltavo giù dal mio balcone del 26° piano per togliermi la vita. Non dimenticherò mai quel giorno. Tutto è sfocato, tutto è buio.

Non c’è suono, non c’è immagine, nulla ha senso… solo lacrime, tristezza, depressione, ansia e dolore. Gli ultimi sei mesi sono stati duri. Un pianto continuo, ovunque. Dal nascondersi nel bagno a lavoro all'asciugarmi le lacrime così che nessuno vedesse a quando ero a casa tra quattro mura, era diventato tutto insostenibile.

Costanti sensazioni di tristezza e dolore non se ne andavano e la mia vita era stata distrutta. Incolpo me stessa, non credo sia meritevole di essere amata e ho paura. So che ci sono molte cose di cui posso essere grata, ma poi comincio a odiare me stessa perché mi sento così e voglio solo farla finita.

È un circolo vizioso nella mia testa. Sono stata veramente al limite, non so come ce l’abbia poi fatta. Forse essere una professionista aiuta, mi ha salvato la vita. Questo non è facile da scrivere, ma sono sempre stata aperta e onesta e vulnerabile con voi e credo fermamente nel potere di condividere le nostre storie per attraversare questi momenti aiutandoci l’un l’altro"