Kontaveit dice addio a Turnusov: tra i motivi della separazione anche la guerra



by   |  LETTURE 3404

Kontaveit dice addio a Turnusov: tra i motivi della separazione anche la guerra

Dopo un inizio di stagione ad alto livello, in linea con l’esaltante passata stagione, Anett Kontaveit ha vissuto un periodo abbastanza nero che però non le ha comunque impedito di raggiungere la seconda piazza del ranking WTA.

Nel 2021, in una stagione da record, la tennista ha conquistato 5 titoli WTA, riuscendo ad inanellare una striscia di 20 successi consecutivi, spingendosi in top 5 per la prima volta in carriera e raggiungendo la finale delle WTA Finals di Guadalajara, persa contro la spagnola Garbine Muguruza.

Nel 2022, dopo la vittoria a San Pietroburgo e la finale del WTA 1000 di Doha, il Covid e alcuni problemi personali hanno limitato i suoi risultati. Negli ultimi giorni è arrivata inoltre la decisione di separarsi dal proprio allenatore Dmitry Turnusov, uno degli artefici della sua grande crescita e dei suoi successi.

La tennista estone ha spiegato in un'intervista rilasciata al media locale ERR le cause della rottura col suo ormai ex coach.

Kontaveit spiega i motivi della rottura con Turnusov

L’attuale numero due del ranking WTA ha rivelato che tra le cause principali della fine del rapporto tra lei e Turnusov c’è, implicitamente, la guerra tra Russia e Ucraina.

“Prima di tutto, vorrei ringraziarlo per tutto questo tempo, per questo periodo con così tanti successi e di buoni rapporti tra noi due, gli sono davvero grata. Il motivo per cui abbiamo preso questa decisione è che lui ha un passaporto russo, quindi in questo momento è molto complicato per noi ottenere i visti per viaggiare.

Anche se volessimo, non potrebbe venire con me a molti tornei e, al momento, sento di aver ancora bisogno di una persona al mio fianco che non mi crei questo tipo di problemi pratici” ha spiegato Kontaveit. La tennista estone ha sostenuto che i suoi scarsi risultati degli ultimi mesi dipendano anche dalla propria situazione extracampo.

“Alla fine, credo che tutte le cose siano collegate. Quando si ha una buona sensazione o un buon stato di fiducia fuori dal campo, questo si riflette anche sul campo. I problemi che sono sorti in questa stagione mi hanno reso un po' spaesata.

Non ha potuto venire con me negli Stati Uniti durante il tour di marzo e ora ha avuto problemi anche ad ottenere il visto per il Regno Unito. Al momento, ottenere il visto è molto complicato per lui” ha detto Kontaveit.

La tennista di Tallin ha concluso spiegando che l’obiettivo attuale è quello di tornare al top della forma, dopo gli strascichi del Covid che l’hanno debilitata parecchio. “Questa settimana farò dei nuovi test per capire meglio come mi sento.

Ho già fatto molti test nelle ultime settimane, ma ora sto cercando di fare dei test molto più specifici. Una volta che li avrò fatti, avrò più informazioni su cosa accadrà in seguito, per il momento so solo che non posso allenarmi” ha rivelato Kontaveit.