Wta Rabat - Meravigliosa Trevisan: 1° titolo in carriera nel circuito maggiore



by   |  LETTURE 1587

Wta Rabat - Meravigliosa Trevisan: 1° titolo in carriera nel circuito maggiore


Da Parigi a Parigi. O meglio, da Parigi a Rabat. Ma facciamo un passo indietro: dallo storico piazzamento ai quarti di finale dello Slam parigino in un inedito quanto surreale venti-venti, Martina Trevisan ha faticato in maniera mostruosa a trovare continuità nel circuito maggiore e soprattutto ad accumulare risultati una volta raggiunta una certa classifica.

E ovviamente anche un certo status nei principali tabellone del circuito maggiore. Non è un caso che abbia deciso di reintrodurre le presenze nel circuito minore nel tentativo di riattivare fiducia e tennis, mossa studiata ed evidentemente anche terapeutica ed estramamente efficace.

Dopo un cammino straordinario - condito anche dalla vittoria in rimonta contro Garbine Muguruza agli ottavi di finale - la toscana completa l'opera nel '250' di Rabat. Proprio a una manciata di giorni dal Roland Garros.

Reduce dalla vittoria piuttosto netta nel derby con Lucia Bronzetti, Trevisan annota sul taccuino delle vittime anche la statunitense Claire Liu. Lascia poco spazio alle interpretazioni in realtà il 6-2 6-1 che matura alla soglia dei settanta minuti di gioco e che vale alla tennista azzurra ovviamente il primo titolo in carriera nel circuito maggiore e anche l'ingresso tra le prime sessanta giocatrici del mondo.

Atp Lione e Atp Ginevra: vincono Norrie e Ruud

Alex Molcan va vicinissimo all'impresa contro Cameron Norrie sulla terra di Lione. Il britannico, che dilapida due match point nel decimo game del secondo set, ritrova comunque le energie necessarie per sigillare il successo sul 6-3 6-7(4) 6-1 e per acciuffare il quinto titolo in carriera nel circuito maggiore, il secondo stagionale dopo quello a Delray Beach.

Un '250' sulla terra prima di uno Slam? Lo scenario assolutamente perfetto per Casper Ruud. Il norvegese, un mostro di continuità e di regolarità, fatica più del previsto comunque per abbattere la resistenza del portoghese Joao Sousa, che si immola addirittura fino al tie break del terzo set.

Ruud mantiene una quasi-imbattibilità di categoria (otto i successi complessivi, sette sulla terra) e alla vigilia del Roland Garros rientra ovviamente nella ristrettissima cerchia degli underodgs. Photo Credit: Getty Images