Osaka: "Non mi sentivo bene con me stessa. Infortunio? Non è la prima volta..."

La tennista giapponese è uscita a sorpresa dal Madrid Open

by Giuseppe Di Lauro
SHARE
Osaka: "Non mi sentivo bene con me stessa. Infortunio? Non è la prima volta..."

Naomi Osaka è fuori dal Madrid Open. La tennista giapponese si è dovuta arrendere clamorosamente in due set contro Sara Sorribes con il punteggio netto di 3-6, 1-6. Un match dove la nipponica è apparsa decisamente irriconoscibile e ha fatto molti errori con il suo diritto “Non mi sentivo molto bene con me stessa e questo è stato un fattore determinante nella partita”.

sono state le parole di Osaka. Sulla benda che aveva sulla caviglia
"Dopo la prima partita, ho sentito un dolore al tendine d'Achille che mi ha impedito di allenarmi normalmente ieri. Oggi ho preso un Ibuprofen per vedere se potevo stare meglio, ma l'ho preso troppo tardi e non ha avuto molto effetto.

Avrei dovuto prenderlo prima” Possibili lesioni a lungo termine
"Ho avuto questo infortunio alcune volte in passato, ricordo che è successo due anni fa a Miami, ma onestamente non credo che sia un problema molto serio.

Durante questa stagione non ho sentito molto dolore in quella zona, ma devo imparare a conviverci quando ricompare". Il match contro Sara Sorribes
"Oggi non ho potuto giocare come avrei voluto, è come se avessi dei limiti nel mio gioco.

Ho pensato a molte cose che potevo migliorare rispetto al precedente match che abbiamo giocato in Fed Cup, ma in campo sentivo di non poter fare nulla contro i suoi attacchi".

Tra Madrid e prossimi obiettivi

Sul torneo di Madrid
"Mi sono divertita molto a Madrid, naturalmente mi sarebbe piaciuto rimanere più a lungo, ma penso di poter prendere alcuni aspetti positivi da questa settimana.

Come ho detto nei giorni precedenti, sto imparando a giocare sulla terra battuta, è un processo lungo, ma penso che sarò in grado di adattarmi bene a questa superficie. Il campo campo centrale era molto più veloce degli altri giorni e ne ho parlato al mio allenatore.

Sono consapevole che dico che sto ancora imparando a giocare sulla terra battuta, ma sono convinto che migliorerò sempre di più". Sui prossimi obiettivi
"Queste sconfitte mi fanno pensare molto e in questi giorni lo farò.

Naturalmente continuerò ad allenarmi e a prepararmi per la prossima partita, ma devo vedere come risponde il mio tendine per vedere se sono nella condizione migliore per competere".

SHARE