Emma Raducanu cambia ancora allenatore: licenziato Torben Beltz



by   |  LETTURE 1966

Emma Raducanu cambia ancora allenatore: licenziato Torben Beltz

È di nuovo tempo di cambiamenti per Emma Raducanu, che ha ufficializzato la separazione dal tecnico Torben Beltz. È il terzo cambio di allenatore in meno di un anno per la campionessa uscente degli US Open, che ha deciso di interrompere il rapporto lavorativo con il tedesco – ex coach storico di Angelique Kerber – dopo soli cinque mesi (fu assunto nel novembre 2021).

Continua dunque la ‘staffetta’ nel ruolo di guida tecnica per la giovane tennista britannica, che si appresta pertanto ad affidarsi nelle mani di un quarto allenatore dopo i ‘divorzi’ con Nigel Sears, Andrew Richardson e, per l’appunto, Torben Beltz.

“Voglio ringraziare Torben per il suo coaching, professionalità e dedizione nell’ultimo semestre – ha dichiarato Emma Raducanu − . Ha un cuore enorme e ho apprezzato la nostra forte chimica durante il tempo insieme.

Ma sento che la direzione migliore per il mio sviluppo è quella di passare a un nuovo modello di formazione con il supporto dell’LTA nel frattempo” .

Iain Bates seguirà Emma Raducanu a Madrid

In attesa di ritrovare la quadra e stabilizzarsi con un nuovo allenatore, Emma Raducanu prosegue la sua stagione.

Archiviato il WTA 500 di Stoccarda – che l’ha vista uscire ai quarti di finale per mano della numero 1 Iga Swiatek – la 19enne nativa di Toronto si prepara a scendere in campo in quel di Madrid, dove giovedì esordirà contro la ceca Tereza Martincová.

A guidare la giovane campionessa britannica sarà un tecnico messo a disposizione dalla Lawn Tennis Association (federazione britannica di tennis), ossia Iain Bates, capo allenatore del settore femminile della LTA. Fece piuttosto scalpore la coraggiosa decisione di Emma Raducanu di separarsi da Andrew Richardson, colui che l’ha condotta per mano alla clamorosa vittoria degli US Open partendo dalle qualificazioni.

“Sto cercando qualcuno che è stato a quel livello e sa cosa ci vuole. Ho davvero bisogno di una guida” , aveva dichiarato all’indomani della vittoria a Flushing Meadows. Da quel trionfo fino ad oggi, la britannica ha inanellato una serie di risultati negativi che, sommati a problemi fisici di varia natura, tra cui la contrazione del Coronavirus, l’hanno messa in ombra.