L'insolita storia di Iga Swiatek: gli effetti del ritiro di Barty sulla polacca



by   |  LETTURE 2979

L'insolita storia di Iga Swiatek: gli effetti del ritiro di Barty sulla polacca

Il ritiro di Ashleigh Barty ha aperto nuovi scenari che, fino a poco tempo fa, erano impensabili. La giocatrice australiana ha deciso di uscire dalle scene all’apice della propria carriera: dopo aver vinto gli Australian Open per la prima volta in carriera e dopo aver consolidato la prima posizione nel ranking WTA.

Una prima posizione che la vincitrice di tre prove del Grande Slam ha difeso per tre anni consecutivi: dopo mostri sacri come Serena Williams, Steffi Graf e Martina Navratilova, Barty è la prima tennista ad aver chiuso per tre anni di fila come numero uno del mondo.

Una prima posizione che, tuttavia, verrà ceduta a breve. Ashleigh Barty, infatti, ha deciso di rimuovere il proprio nome dalla classifica WTA. Per questo motivo, dal prossimo lunedì, ci sarà una nuova numero uno del tennis femminile.

La candidata più probabile, in virtù della sua seconda posizione, è Iga Swiatek. La tennista polacca si presenterà Miami, dunque, con due grandi obiettivi: conquistare la prima posizione del ranking e vincere il terzo WTA 1000 consecutivo.

Una prima posizione che potrebbe conquistare seguendo due scenari: vincere il match d’esordio nel Miami Open; perdere il primo match, ma rimanere in attesa che Paula Badosa non vinca il torneo.

Nella conferenza stampa di Miami, Swiatek parla proprio di queste recenti notizie. "Non posso parlarne perché è una sua decisione, ma ovviamente sarebbe molto speciale per me diventare il numero 1”, ha detto l’attuale numero due del mondo, “Sono una persona molto sensibile e ho pianto a lungo quando l'ho saputo.

Lei è un esempio per tutti noi per aver messo la sua stessa felicità prima di ogni altra cosa. Ammiro molto Barty e ci mancherà, la amo. Avrei voluto giocare contro di lei più volte, ma non ci stancheremo sul circuito WTA"

Il cammino di Iga Swiatek

La stagione della polacca è partita con qualche difficoltà. In terra australiana, ha partecipato prima all’Adelaide Open, perdendo in semifinale proprio contro Ash Barty. La semifinale è stata un tabù anche al primo Grande Slam della stagione: al penultimo turno del torneo, è uscita sconfitta dalla statunitense Collins.

Dopo gli iniziali problemi, tuttavia, Iga Swiatek ha deciso di salire in cattedra, sfruttando anche l’assenza dai tornei di Barty. Prima tappa a Doha: in finale, è dominio contro Kontaveit della polacca, che vince con il risultato di 6-2, 6-0.

Seconda tappa, invece, è il cemento americano di Indian Wells. Anche sotto il sole californiano, è Iga Swiatek a vincere, con un altro risultato schiacciante: 6-6, 6-1 rifilato alla greca Maria Sakkari. Con la vittoria a Indian Wells, la tennista, vincitrice di un Roland Garros, ha conquistato il secondo WTA 1000 della stagione.