Elina Svitolina si ritira dal torneo perché doveva affrontare una tennista russa



by LUCA FERRANTE

Elina Svitolina si ritira dal torneo perché doveva affrontare una tennista russa

L'attuale guerra in corso fra la Russia e l'Ucraina sta portando ripercussioni importanti anche nel mondo del tennis. Diversi giocatori di entrambi i Paesi hanno più volte mandato forti messaggi di pace e di essere assolutamente contrari a ogni tipo di attacco nei confronti di un altro popolo.

Tuttavia, la questione si sta ampliando ulteriormente e le conseguenze stanno aumentando a dismisura per gli atleti delle due nazioni. Per quanto riguarda la Russia, il Cio ha emesso una dura nota e tutti gli sportivi rischiano addirittura di non poter più gareggiare in tutte le competizioni internazionali.

Quasi tutti gli ucraini invece, a parte coloro i quali sono bloccati nelle varie città e non riescono proprio a svolgere la loro attività sportiva da professionista, hanno deciso di prendere la coraggiosa scelta di non incrociare sul loro cammino un russo o bielorusso.

È l'episodio accaduto recentemente a Elina Svitolina, che ha annunciato e ufficializzato la sua volontà di non esordire nel Wta 250 di Monterrey nella giornata di mercoledì 2 marzo proprio perché avrebbe dovuto affrontare una giocatrice russa, precisamente Anastasija Potapova.

Notizia shock quella resa nota dalla numero 15 del ranking mondiale, che sarebbe stata al via del torneo come principale testa di serie (e dunque tra le favorite assolute alla vittoria finale).

Il suo messaggio

La 27enne, sposata col francese Gael Monfils, ha scritto un messaggio sui suoi canali social nelle scorse ore: "Ciao a tutti, credo che l'attuale situazione richieda una posizione chiara da parte delle nostre organizzazioni (Atp, Wta e Itf).

Noi giocatori chiediamo di seguire le raccomandazioni del Comitato internazionale olimpico di accettare i cittadini russi o bielorussi solo come atleti neutrali, senza esporre simboli nazionali, bandiere colorate o inni. Di conseguenza, voglio annunciare che non giocherò in Messico, né nessun'altra partita contro tennisti russi e bielorussi, fino a quando le nostre organizzazioni non prenderanno questa decisione necessaria" ha dichiarato.

Poi ha aggiunto: "Non incolpo nessuno dei giocatori russi. Non sono responsabili dell'invasione della nostra madrepatria. Inoltre, desidero rendere omaggio a tutti coloro, in particolare russi e bielorussi, che hanno coraggiosamente affermato la loro posizione contro la guerra. Il loro supporto è essenziale".

Elina Svitolina