Continua il mistero Shuai Peng, parla Teng Biao: "È detenuta, non è giusto!"



by   |  LETTURE 2271

Continua il mistero Shuai Peng, parla Teng Biao: "È detenuta, non è giusto!"

Il mondo del tennis continua nei dubbi e nel mistero di 'dov'e' finita Shuai Peng? La tennista cinese qualche mese fa ha accusato un ex membro del Parlamento cinese con accuse a sfondo sessuale e da quel momento la sua vita è radicalmente e senza dubbio negativamente cambiata.

In pochi giorni il suo post social è stato tolto e per diverse settimane non si sono avute più notizie dell'atleta. Dopo dichiarazioni di persone sempre più importanti nel mondo dello sport e non, sono emersi alcuni video dove la Peng si è dichiarata tranquilla e serena ed allo stesso tempo però non faceva più alcun riferimento a quelle accuse.

Dopo tutto ciò il presidente della WTA Steve Simon ha annunciato che i tornei in Cina prr quel che riguarda il tennis femminile sono sospesi e la federazione è in attesa di notizie della tennista. Il mistero della Shuai Peng è ormai sempre più fitto, ci sono voci contradditorie a riguardo e la situazione si preannuncia tutt'altro che semplice.

Le ultime sulla situazione di Shuai Peng

Negli ultimi giorni gli Stati Uniti hanno deciso di boicottare le Olimpiadi invernali di Pechino 2022. Formalmente gli atleti potranno partecipare all'importante evento, ma nessun rappresentante amministrativo andrà in Cina.

Una delle ragioni principali riguardo questa scelta è appunto la situazione e la mancanza di reali informazioni circa le condizioni della tennista Shuai Peng. Ai microfoni della CNN ha parlato l'avvocato Teng Biao, uno dei più noti dissidenti del Governo cinese guidato da Xi Jinping.

Ecco le sue parole: "Certo che al momento non è sicura, non penso che tutto ciò sia giusto, lei è al momento controllata dalle autorità cinesi. Nessuno sa realmente dov'è Shuai Peng.

È detenuta da qualche parte" Infine l'avvocato di diritti umani ha concluso: "Il mondo dovrebbe dare priorità ai principi morali ed alla libertà e non al denaro"