WTA TENNIS

Venus Williams pronta al rientro

-  Letture: 1701

Proverà a rientrare molto velocemente dal ricovero Venus Williams giusto in tempo per partecipare all’impegno di Fed Cup contro la Bielorussia. L’americana era stata costretta a cinque mesi di stop forzato per una malattia autoimmune che può causare affaticamento e dolori articolari.

La Williams ha combattuto la sindrome di Sjogren dopo l’ultimo Us Open dove si ritirò al primo turno. Venus si è allenata con la squadra statunitense mercoledì e ha dichiarato di essere molto felice per il suo rientro: “Penso solo di essere parte di una squadra e ho molta adrenalina, che per me equivale a energia in campo, ho bisogno di essere in squadra ogni settimana e non a casa.” L’americana ha dovuto imparare la differenza tra il recupero da un infortunio e da una malattia, questo ha significato dare a se stessa più disciplina seguendo le direttive dei medici senza esagerare per ritrovare la forma, ma per un’ex numero uno vincitrice di sette slam è difficile prendersela comoda.

“La differenza è l’accettazione, capire il tuo corpo e i limiti che ti impone la malattia, ascoltare il proprio corpo e prendersi cura di se stessi. Invece di passare attraverso un muro, fare un passo indietro ed essere intelligente, ecco, questo ho imparato.

Ci sono alcune cose cui non è possibile passare attraverso, devo ancora imparare a rallentare ma spero che verrà il giorno in cui non ci sarà bisogno di ricordarlo.” Il recupero è stato lento e frustrante ma la Williams è pronta per provare a riportare gli USA ad alto livello in Fed Cup, dopo essere finiti nel gruppo 2 a causa della sconfitta per 5 a 0 subita dalla Germania quando Venus era presente ma infortunata all’anca.

“È dura per me stare in disparte, ora però sono pronta per aiutare la squadra” È molto positiva anche il capitano Fernandez che ha dichiarato che la line up degli incontri dipenderà dalla forma di Venus ma era entusiasta dei suoi allenamenti di mercoledì.

“Solo il fatto di averla intorno è di grande motivazione per la squadra, la vedo entusiasta di colpire la palla, ha un effetto a catena su tutti noi. È stato bello vederla allenarsi così bene.” Serena si sta riprendendo da un infortunio alla caviglia sinistra ma dovrebbe riuscire a giocare contro la nuova numero uno Azarenka che ha sconfitto Sharapova in finale a Melbourne per 63 60.

Non sarà importante come giocherà, la vittoria per Venus sarà tornare in campo per una partita vera. Gli infortuni le hanno permesso di giocare solo 11 partite dalle semifinali Us Open 2010. “È molto frustrante, soprattutto quando non sei in campo, non dipende da te e non hai il controllo della situazione, credo sia la parte più difficile.” .