Wta Tenerife - Giorgi vince, convince e acciuffa i quarti. Ad Anversa si ferma Murray



by   |  LETTURE 4607

Wta Tenerife - Giorgi vince, convince e acciuffa i quarti. Ad Anversa si ferma Murray

Dopo la pazza vittoria ai danni di Alione Bolsova, Camila Giorgi annota anche Danka Kovinic sul taccuino delle vittime a Tenerife. La tennista azzurra – unica superstite del gruppo – supera il taglio senza troppe difficoltà.

Anzi. Si presenta con un parziale di 5-0 e dopo poco più di sessanta minuti di gioco si affaccia sul 6-1 6-2 con un tennis brillante. Altissima la percentuale di punti con la prima palla ma soprattutto la realizzazione sulle palle break.

Emblematico il 5/8 finale. La marchigiana, che dalla storica vittoria a Montreal non aveva ancora smosso lo zero dalla casella delle vittorie, se la vedrà ai quarti nel '250' spagnolo con Arantxa Rus, che non fatica parallelamente più di tanto ad abbattere la resistenza di Greta Minnen.

Sakkari alle Finals, Murray 'tira il fiato' e si ferma ad Anversa Con la vittoria ai danni di Anna Kalinskaya, Maria Sakkari si assicura un posto alle Wta Finals e diventa ovviamente la prima a trascinare la bandiera greca al masterone di fine anno.

Ancora attaccate al gruppo Iga Swiatek, Garbine Muguruza, Paula Badosa e addirittura Ons Jabeur. Sconfitta però al secondo turno in Russia. Tra le prime otto anche Simona Halep, che nella sfida nella parte finale di con Veronika Kudermetova condensa la stragrande giornata delle difficoltà nel secondo set.

Da annotare tra le sorprese – in campo maschile – il passo falso di Andrey Rublev (comunque a un passo dalle Finals) contro Adrian Mannarino. Vince e convince Aslan Karatsev. Dopo la maratona con Frances Tiafoe – risolta alla soglia delle quattro ore di gioco – Andy Murray non riesce a ripetere contro Diego Schwartzman sotto il tetto di Anversa.

Il tre volte campione Slam non sfrutta un break di vantaggio nella frazione inaugurale, ma soprattutto non riesce a procurarsi set point nel jeu decisif del secondo. Emblematico il 6-4 7-6(6) che consente al “Peque” di raggiungere i quarti di finale e di entrare in rotta di collisione con il vincente del match tra Brandon Nakashima e Henri Laaksonen. Credito fotografico: Getty Images