Wta Indian Wells - Si ferma Paolini, beffata anche Halep. Azarenka batte Kvitova



by   |  LETTURE 1031

Wta Indian Wells - Si ferma Paolini, beffata anche Halep. Azarenka batte Kvitova

La parte bassa del tabellone di Indian Wells si allinea agli ottavi di finale con poche sorprese. Esce di scena Jasmine Paolini (ultima speranza azzurra) Aliaksandra Sasnovich beffa invece Simona Halep. Dura poco più di sessanta minuti la difesa della toscana, reduce dal setaccio delle qualificazioni e soprattutto dal colpo su Elise Mertens, battuta con un nettissimo 6-4 6-1 dalla statunitense Jessica Pegula.

Dopo Emma Raducanu, la tennista bielorussa si concede anche il lusso di mettere fine alla corsa di una due volte campionessa Slam. Sasnovich – non nuova a ricoprire il ruolo di mina vagante – spezza gli equilibri ai piedi del jeu decisif nel corso della frazione inaugurale e gestisce poi meglio sia ‘gli alti’ che ‘i bassi’ nel secondo.

Sigillando di fatto il successo sul 7-5 6-4. Agli ottavi di finale la sfida con la connazionale Viktoria Azarenka, che con lo stesso identico score si sbarazza di Petra Kvitova. Il match non brilla comunque per qualità.

Svitolina soffre ma passa, tutto facile per Swiatek. Brilla ancora Leylah Fernandez

Elina Svitolina ha bisogno di recuperare un set di ritardo, un break di svantaggio nel terzo e soprattutto del jeu decisif per abbattere la resistenza di Sorana Cirstea.

Nella parte più bassa del tabellone, la numero due del gruppo Iga Swiatek spacchetta la resistenza di Veronika Kudermetova con un 6-0 6-1 che costruisce in poco meno di sessanta minuti di gioco. Sulla strada per la tennista polacca Jelena Ostapenko.

Dopo la straordinaria finale sul cemento di Flushing Meadows (e la nettissima vittoria ai danni di Alize Cornet) la stellina Leylah Fernandez non si ferma. Anzi. Nella parte finale di giornata la diciannovenne canadese recupera un set di svantaggio ad Anastasia Pavlyuchenkova (finalista quest’anno sul mattone rosso di Bois de Boulogne) e si guadagna la sfida di ottavi con Shelby Rogers grazie a un rocciosissimo 5-7 6-3 6-4. Photo Credit: Getty Images