Wta Portorose - Paolini supera la pioggia e Kalinskaya. Ai quarti sfida con Cirstea



by   |  LETTURE 2650

Wta Portorose - Paolini supera la pioggia e Kalinskaya. Ai quarti sfida con Cirstea

La pioggia condiziona in maniera significativa il programma del day-4. Non i progetti di Jasmine Paolini. Dopo la vittoria di Lucia Bronzetti ai danni di Bernarda Pera, supera infatti il taglio del secondo turno sul cemento di Portorose anche Jasmine Paolini.

La tennista azzurra, che sul 6-3 non si lascia condizionare da una sosta di quasi quattro ore, rientra con qualche incertezza, soprattutto con la battuta a disposizione, ma recupera comunque in maniera brillante un break di svantaggio e con un mega-parziale di 6-0 (che costruisce sostanzialmente senza sbavature) si adagia sul 6-3 6-2 nella sfida con la russa Anna Kalinskaya.

Ad attendere la toscana ai quarti - i quarti in carriera nel circuito maggiore - la numero quattro del seeding Sorana Cirstea. Bronzetti se la vedrà invece con la numero due del gruppo Yulia Putintseva, perfetta con Katie Boulter.

In caso di successo, la ventiduenne ligure andrebbe a scalzare Elisabetta Cocciaretto dalla quinta piazza del ranking nazionale e centrerebbe ovviamente la prima semifinale in un evento Wta.

In Lussemburgo parte bene Bencic.

Ok Ostapenko

Si allinea ai quarti di finale anche il tabellone del Luxembourg Open. Il più 'ricco' evento della settimana Post-Slam. Nonostante un buco nel corso del secondo set, Jelena Ostapenko trova armi sufficientemente valide per sbarazzarsi della olandese Hartano con un netto 6-1 finale.

Tutto estremamente facile anche per la numero uno del seeding Belinda Bencic - reduce dalla sconfitta ai quarti di finale sul cemento di Flushing Meadows con la poi-campionessa Emma Raducanu - che il test Zarina Diyas lo supera con un facile 6-3 6-1.

La medaglia d'oro di Tokyo 2020 se la vedrà ai quarti con Ludmilla Samsonova. Da registrare nel Challenger di Rennes anche il passo falso di Andy Murray. Dopo il netto successo ai danni di Yannick Maiden, il tre volte campione Slam non riesce ad abbattere la resistenza di Safiullin.

Anzi. Ricompattato lo score, il britannico fa praticamente in tempo a smuovere lo zero dalla casella dei game nel set decisivo. Photo Credit: Getty Images