Wta Birmingham - Saranno Jabeur e Kasatkina a contendersi il titolo



by   |  LETTURE 1606

Wta Birmingham - Saranno Jabeur e Kasatkina a contendersi il titolo

La maratona di Birmingham ha portato in finale Ons Jabeur e Daria Kasatkina. La pioggia abbattutasi ieri sui prati dell’Edgbaston Priory Club ha costretto gli organizzatori a cancellare l’intera giornata e rinviare a oggi tutti e quattro i quarti di finale del singolare femminile.

Tre di questi hanno visto Ons Jabeur, Heater Watson e Coco Vandeweghe prevalere nettamente su Anastasia Potapova, Donna Vekic e Marie Bouzkova; mentre Daria Kasatkina ha avuto bisogno del terzo set, peraltro vinto 6-0, contro Tereza Martincova.

Jabeur e Kasatkina volano in finale a Birmingham

La prima semifinale tra Watson e Jabeur è durata un’ora e dodici minuti e ha visto la giocatrice tunisina raggiungere la terza finale in carriera dopo quelle di Mosca e Charleston; entrambe perse.

Nel primo set, Jabeur è stata brava a non concedere nessuna occasione all’avversaria al servizio, dove ha perso solo tre punti, e ha trovare il break in due occasioni: la prima nel terzo game, la seconda nel nono( gioco che ha chiuso il set, ndr) .

Nella seconda frazione di gioco, Jabeur ha perso il servizio nel primo game e poi trovato l’immediato contro break complice anche i numerosi gratuiti di Watson. Dopo aver riacquistato la giusta solidità nei turni di battuta, Jabeur ha sorpreso la britannica sul 3-2 alla quinta occasione e messo poi il turbo fino al definitivo 6-3.

In finale, la giocatrice classe 1994 se la vedrà con Kasatkina, che ha sconfitto con il punteggio di 6-2, 6-4 Vandeweghe. Nel primo set, è stata l’americana a partire bene e a brekkare la rivale. La gioia è però durata poco, perché la russa ha firmato il contro break alla terza occasione.

Kasatkina otterrà poi altri due break prima di chiudere con un turno di servizio perfetto il primo set. Nella seconda parte di gioco, Kasatkina è stata spietata e in pochi minuti si è portata sul 5-1. Da quel momento in poi, anche a causa della tensione e della posta in gioco, la russa ha iniziato a commettere alcuni errori gratuiti ed è caduta in un vortice che ha quasi compresso il suo ottimo rendimento.

Per sua fortuna, Kasatkina ha ritrovato il bandolo della matassa quando ha servito per la seconda volta per il match.