Roland Garros - Krejcikova vince la battaglia: in finale sfiderà Pavlyuchenkova



by   |  LETTURE 1198

Roland Garros - Krejcikova vince la battaglia: in finale sfiderà Pavlyuchenkova

Il ballo delle debuttanti al Roland Garros, nonostante le giocatrici siano apparse tutte piuttosto nervose, ha regalato forti emozioni e ha proclamato le due nuove finaliste Slam. Anastasia Pavlyuchenkova è diventata la prima tennista a raggiungere l’ultimo atto di un Major dopo averne giocati più di 50( 52 in tutto, ndr) .

Basti pensare che, prima di superare lo scoglio Elena Rybakina, la russa aveva perso i sei quarti di finale disputati in carriera vincendo in totale solo due set. In semifinale, Pavlyuchenkova ha eliminato Tamara Zidansek con il punteggio di 7-5, 6-3.

La slovena ha iniziato il match con più coraggio e ha trovato il break in apertura grazie allo slice atterrato oltre la linea di fondo della sua avversaria. Pavlyuchenkova ha ottenuto il contro break nel quarto game, in cui Zidansek si è fatta rimontare dal 40-0 e ha commesso un brutto errore di rovescio.

La russa si è poi portata anche sul 5-3 e servizio, sempre con la complicità della sua rivale, ma l’emozione ha preso il sopravvento e un bruttissimo rovescio ha riaperto il primo set. Zidansek ha mostrato grande coraggio nei momenti importanti, non in quello che ha probabilmente deciso la disputa.

Sotto 5-6, la slovena ha colpito un doloroso doppio fallo sulla palla break e consegnato il parziale alla Pavlyuchenkova.

Pavlyuchenkova e Krejcikova in finale al Roland Garros

La seconda frazione di gioco ha visto proiettato sullo storico Chatrier il festival del break.

Nessuna delle due giocatrici è riuscita a mantenere i nervi saldi: una serie gratuiti e di doppi falli hanno spostato la bilancia da una parte all’altra. A perdere completamente la misura del campo è stata infine Zidansek, che dopo aver rimontato da uno svantaggio di 4-1, ha regalato il break decisivo alla russa nell’ottavo game con un dritto largo di diversi centimetri.

La seconda finalista porta il nome e il cognome di Barbora Krejcikova. La partita è iniziata con tre break consecutivi, due a favore di Maria Sakkari e uno della Krejcikova, e con una serie di errori gratuiti che non hanno permesso alle due giocatrici di spostare gli equilibri.

Dal 3-1, Sakkari ha poi perso quattro game di fila, ma la ceca ha fallito l’occasione e trovato il gioco decisivo solo sul 6-5, quando il nastro ha spedito fuori il dritto della rivale sulla palla break. Nel secondo parziale, Sakkari ha rialzato subito la testa e in pochi minuti ha raggiunto il 4-0; un vantaggio che le permetterà di portare l’incontro al terzo.

Nell’ultima frazione di gioco, l’attuale numero 18 del ranking WTA ha continuato a spingere e a mettere pressione alla ceca, che nel terzo game ha perso il controllo del rovescio sulla palla break a favore dell’avversaria.

Krejcikova ha poi sbagliato un comodo rovescio nel game successivo e ha visto Sakkari salire rapidamente 3-1. Con uno schiaffo al volo la ceca ha successivamente annullato un match point al servizio e sfruttato le indecisioni della Sakkari nel momento in cui ha servito per il match.

La 25enne di Brno , alla fine, si è rivelata essere la più coraggiosa: non si è fatta condizionare dai tre match point sprecati nel 14esimo game e ha chiuso l'incontro con il punteggio di 9-7.