Wta Parma - Gauff-Wang la finale. Lione e Ginevra: ok Tsitsipas e Shapovalov



by   |  LETTURE 1371

Wta Parma - Gauff-Wang la finale. Lione e Ginevra: ok Tsitsipas e Shapovalov

Dopo Kaia Kanepi, Camila Giorgi e Amanda Anisimova, Coco Gauff aggiunge Katerina Siniakova alla lista delle vittime nella settimana di Parma. La stellina statunitense – reduce tra le altre cose dalla semifinale al Foro Italico – dopo un guizzo ai piedi del tie break nel primo set e un mega black out nel corso del secondo, dilaga nel rush finale sigillando di fatto il successo sul 7-5 1-6 6-2.

Ad attenderla in finale (la seconda in carriera nel circuito maggiore) ci sarà Qiang Wang. La cinese, nella sfida con Sloane Stephens, comunque bisogno dopo un primo set praticamente perfetto di recuperare un mega-svantaggio di 1-5 e di cancellare complessivamente tre set point per acciuffare il 6-2 7-6(3) finale.

Tanti, tantissimi, rimpianti per la statunitense, che manca in finale nel circuito maggiore dalle Wta Finals di Singapore del 2018.

Atp Lione e Ginevra: ok Tsitsi e Shapovalov

Come ad Acapulco, sarà Tsitsipas-Musetti.

Il numero uno del gruppone a Lione risponde al talentino azzurro con un rapidissimo 6-3 6-4 (condito da due break) ai danni del giapponese Yoshito Nishioka. Ventisettesima vittoria stagionale per il greco, a caccia della quarta finale.

Passa Karen Khachanov nella parte opposta di tabellone: per abbattere la resistenza di Richard Gasquet, il russo ha in realtà bisogno di recuperare un break di svantaggio in due occasioni e di cancellare addirittura un set point.

Emblematico comunque il 6-1 7-6(3) che matura alla soglia delle due ore di gioco. A contendersi il titolo a Ginevra saranno invece Denis Shapovalov e Casper Ruud. Rispettivamente due e tre del seeding alle spalle di Roger Federer.

Insomma: il talento canadese, nonostante qualche problema nel corso del secondo set, riesce a scavallare lo scoglio Pablo Cuevas con un rocciosissimo 6-4 7-5 e a confermare il buonissimo periodo di forma dopo la lotta con Rafa Nadal al Foro Italico.

Tutto incredibilmente facile per il norvegese, che la sfida con l’ammazza-svizzeri Pablo Andujar la risolve in poco più di ottanta minuti di gioco con un secco 6-3 6-2. Tra i due sarà a ogni modo il primo confronto diretto nel circuito maggiore. Photo Credit: Getty Images