WTA Miami - La sfortuna perseguita Andreescu. Barty vince ancora il torneo



by   |  LETTURE 2769

WTA Miami - La sfortuna perseguita Andreescu. Barty vince ancora il torneo

La favola di Bianca Andreescu al WTA di Miami si è interrotta sotto i colpi di Ashleigh Barty. La tennista canadese ha vissuto un vero e proprio calvario, che sembra non voler finire, nelle ulitme stagioni a causa dell’infortunio al ginocchio.

Basti pensare che nel 2020 non ha giocato nessuna partita e che, prima di tornare in campo quest’anno agli Australian Open, la sua ultima partita ufficiale risaliva alle WTA Finals di Shenzhen 2019. Il talento della Andreescu è sbocciato proprio nel 2019 con le vittorie del torneo di Indian Wells, della Rogers Cup e sopratutto degli US Open.

Andreescu si ritira nel secondo set, Barty vince a Miami

Ancora una volta, come accennato a inizio articolo, è stata la sfortuna a fermare Andreescu, che nel terzo game del secondo set ha rimediato una brutta storta alla caviglia destra ed è stata costretta a ritirarsi in finale sul punteggio di 6-3, 4-0.

Ashleigh Barty, da parte sua, continua a crescere e confermare il suo primato nella classifica WTA. L’australiana grazie ad una sontuosa settimana ha collezionato il secondo successo consecutivo al Miami Open, considerando che nel 2020 il torneo non si è disputato, e vinto il decimo torneo della sua carriera.

La numero uno del mondo ha anche annullato un match point nel match di secondo turno contro Kristina Kucova. Nel primo set, Barty è partita subito forte, ha sfruttato gli errori della sua avversaria e si è portata velocemente sul 3-0.

Andreescu non ha però mollato la presa e nel quinto game ha riconquistato il break di svantaggio perso nel primo turno di battuta. Il momento magico si è subito interrotto nel game successivo, quando Barty ha alzato il ritmo e si è presa con la forza un game poi risultato decisivo.

Nel secondo parziale, Barty ha dettato ancora una volta la sua legge strappando due volte di fila il servizio alla sua avversaria; avversaria che ha però alzato bandiera bianca proprio a causa del dolore alla caviglia. Vedremo se si tratterà dell'ennesimo grave infortunio o di una semplice storta.