Wta Miami - Ritorna a splendere Andreescu. Sarà finale con Barty



by   |  LETTURE 1871

Wta Miami - Ritorna a splendere Andreescu. Sarà finale con Barty

Ha avuto bisogno di una manciata di tornei per sgrassare i meccanismi e per rimettere le cose in chiaro. Esatto: a Miami è ritornata a splendere la stella di Bianca Andreescu, costretta a saltare a piè pari il duemilaventi a causa della pandemia e di un infortunio al piede.

La tennista canadese rinnova il settimanale al terzo set e dopo Amanda Anisimova, Garbine Muguruza e Sara Sorribes Tormo, annota sul taccuino delle vittime anche Maria Sakkari. Reduce dal brutale successo ai danni di Naomi Osaka ai quarti.

Andreescu giocherà la prima finale da quella (trionfale) sul cemento di Flushing Meadows datata 2019. E sì, sembra essere passata una vita. Insomma: la numero ventitré del gruppone prova in tutti i modi a sovvertire il più scontato degli epiloghi.

Riesce, sì, ad affacciarsi fino al terzo, non a trovare armi sufficientemente valide per sopravvivere alla lotta nel rush finale. Andreescu – che ha un pacchetto più vario di soluzioni a disposizione – vince più semplicisticamente la battaglia dei tie break (intervallata, manco a dirlo, da un 6-3 Grecia) recuperando da 5-6 e 6-7 nel primo caso e dominando nel secondo.

Poche le recriminazioni per Sakkari, che con la battuta a disposizione nel dodicesimo game non riesce comunque a chiudere i conti.

Barty non sbaglia: quindicesima finale in carriera

Ad attendere la canadese in finale ci sarà Ashleigh Barty, già sicura di lasciare la Florida con la targhetta della numero uno sulle spalle.

La tennista australiana – campionessa in carica – mantiene l’imbattibilità superando con un doppio 6-3 Elina Svitolina. Che in qualche modo riesce anche a rendere il passivo accettabile. Di fatto “Ash” non sfrutta un vantaggio di 4-1 (pesante) nel cuore della prima frazione e concede qualcosa nel quinto game del secondo set, quando due chance per il 4-1 (leggere) le spreca.

Il resto è come nella logica delle cose un contorno necessario. Per Barty sarà la quindicesima finale in carriera – la seconda in stagione – di nove vittorie e cinque sconfitte il bilancio. Contro Andreescu, se non altro nel circuito maggiore, sarà invece una prima volta. Photo Credit: Getty Images