Wta, polemiche sulla Barty: la tennista non ha rispettato le regole per la sicurezza



by   |  LETTURE 1263

Wta, polemiche sulla Barty: la tennista non ha rispettato le regole per la sicurezza

La tennista australiana Ashleigh Barty è probabilmente la protagonista nel mondo del tennis più amata dai suoi connazionali, anche di più rispetto ai colleghi uomini Alex De Minaur e Nick Kyrgios. La numero uno al mondo è da tempo fermo a causa della Pandemia e tutti sono in attesa di rivederla in campo nel prossimo Australian Open.

In queste ore la tennista è finita nel mirino delle critiche della stampa locale e internazionale perché è stata immortalata dai fotografi mentre faceva tranquillamente shopping a Melbourne senza indossare la mascherina e violando così le norme Anti-Covid presenti nello stato del Victoria.

Subito dopo l'agente della campionessa australiana è stato costretto a scusarsi pubblicamente, definendo l'errore di Ashleigh, un errore fatto in innocenza. Dobbiamo inoltre ricordare che la Barty è stata una delle prime persone a chiedere che la quarantena dei tennisti e le misure prese per mantenere la popolazione in sicurezza fossero messe al primo posto e sicuramente che riteneva tutte queste cose giuste.

Le parole di Ashleigh Barty sulla pandemia

Dopo quello che è accaduto la Barty ha precisato: "Ho dimenticato per errore la mia mascherina, mi scuso ufficialmente. So che tutti dobbiamo essere più responsabili e questo non accadrà più"

Riguardo al tennis la vincitrice del Roland Garros 2019 ha affermato: "Sento di aver completato tutto il lavoro, ho fatto quello che dovevo fare e credo che dopo un anno il mio gioco è migliorato, è in continuo sviluppo.

Ovviamente non partecipo in un evento del circuito da un anno e quindi sarà una sfida. Spero che sia una stagione lunga, non dobbiamo farci prendere dal panico se il nostro inizio non è stato perfetto. Andremo lì fuori e cercheremo di fare il nostro meglio, qualsiasi cosa accada.

Io sto benissimo e non vedo l'ora di tornare in campo. Vincere il torneo? Le persone possono pensare quello che vogliono, ma non è questo quello che mi aspetto. Si tratta di fare le cose giuste fin dalla prima gara e se le farò bene sono certa che riuscirò a dormire la notte"