Wta Roma - Kasatkina si fa male e si ritira: avanti Azarenka. Ok Halep e Pliskova



by   |  LETTURE 2533

Wta Roma - Kasatkina si fa male e si ritira: avanti Azarenka. Ok Halep e Pliskova

Quindici vittorie e una sconfitta. Questo il bilancio di Simona Halep in stagione. La numero due del mondo, al secondo test romano, come nella logica delle cose annota sul taccuino delle vittime anche Dayana Yastremska. La due volte finalista del torneo (battuta in entrambe le occasioni da Elina Svitolina) recupera un break di svantaggio nella frazione inaugurale e spezza gli equilibri ai piedi del tie break.

Con un vantaggio di 3-0 da custodire nel secondo (che impoverisce con un turno di battuta da incubo) si spinge comunque fino al traguardo senza apportare particolari modifiche al copione. Anzi. Nel corso del settimo game si procura una manciata di chance di ripristinare il doppio-vantaggio e di rendere le cose decisamente più facili.

Emblematico comunque il 7-5 6-3 finale che matura alla soglia delle due ore di gioco. Nello stesso spicchio di tabellone, quindi nella parte più alta, trova un considerevole spazio anche Yulia Putinsteva. Battuta nel "derby" kazako Elena Rybakina, vera e propria rivelazione della primissima parte di stagione, adesso in leggera "crisi" di risultati.

Kasatkina si fa male, Azarenka "la consola"

Il ritiro di Daria Kasatkina contro Viktoria Azarenka segna inevitabilmente la giornata-rosa al Foro. La tennista russa, più e più volte vicina a vincere il primo set, cade rovinosamente nel tentativo di recuperare una palla sporcata dal nastro nelle fasi iniziali del tie break e si trova costretta ad alzare bandiera bianca presumibilmente nel momento migliore.

"Vika" - che capisce immediatamente la gravità della situazione e che aiuta la collega a rialzarsi - rivive per un istante le sensazioni del brutale infortunio datato 2013 a Wimbledon. Nell'abbraccio finale c'è tutto.

La bielorussa, alla quattordicesima vittoria nelle ultime quindici partite disputate, se la vedrà ai quarti con Garbine Muguruza. Perfetta contro Johanna Konta. Tutto estremamente facile anche per Karolina Pliskova, numero due del seeding e campionessa in carica, con Anna Blinkova che resiste per una settantina di minuti. Ad attendere la ceca ci sarà Elise Mertens. Photo Credit: Getty Images