Wta Roma - Yastremska "si vendica" di Giorgi. Paolini vince e si regala Halep



by   |  LETTURE 1863

Wta Roma - Yastremska "si vendica" di Giorgi. Paolini vince e si regala Halep

Per Dayana Yastremska e Camila Giorgi vige ancora una una volta la regola del terzo set. In un match da ventotto doppi falli (quattordici per parte) e da dodici break (sette a cinque) che si gioca praticamente senza margine di errore, la tennista ucraina riesce a cambiare il finale rispetto alla sfida di qualche settimana fa a Palermo.

Vince il primo set, spreca un match point ai piedi del tie break e si ritrova a inseguire nel corso del deciding set. Sì. Ma affonda la zampata decisiva sul 4-4, cancella una palla per il 5-5 alla soglia dei centoottanta minuti di gioco fissa il successo sul 7-5 6-7(5) 6-4 e supera quanto meno il taglio del primo turno.

L'Italia nel day-1 chiude con un bilancio perfettamente pari.

Sevastova non pervenuta: Paolini ne approfitta e si prende Halep

Sessantuno minuti. Di tanto ha bisogno Jasmine Paolini per abbattere la resistenza (francamente insufficiente) di Anastasija Sevastova.

La lèttone non conserva un singolo turno di battuta - anzi vince appena undici dei quarantacinque punti a disposizione - e non trova delle alternative valide neanche in risposta. Non un caso, dato che da inizio anno a oggi ha perso dieci delle undici partite che ha disputato.

Paolini, che nel complesso gioca una partita povera di sbavature, domina la frazione inaugurale e contiene soprattutto il mini-tentativo di rimonta dell'avversaria che sul 4-3 Italia si procura una manciata di palle per ricompattare lo score.

La numero due azzurra chiude comunque sul 6-2 6-3, aggancia il terzo successo in carriera ai danni di una Top 50 e si regala Simona Halep al secondo turno. La campagna romana di Elina Rybakina (una delle più attese nel day-1) scatta in maniera praticamente perfetta.

Il complicato test Ekaterina Alexandrova - che aveva vinto entrambi i precedenti - va infatti in archivio con un secco 6-0 6-4. Amanda Anisimova, semifinalista sulla terra di Bois de Boulogne sedici mesi fa, vince la sfida dei tie break con Donna Vekic e riacquista un minimo di fiducia dopo il modesto bilancio nella "bolla" di New York.

Elise Mertens, numero undici del seeding, sbriga invece la pratica Su-Wei Hsieh in poco più di sessanta minuti. Nel lotto delle sorprese ci rientra solamente Julia Goerges, travolta dalla qualificata montenegrina Danka Kovinic.

Emblematico il 6-1 6-0 finale. CLICCA QUI PER CONSULTARE TUTTI I RISULTATI DI GIORNATA E IL PROGRAMMA DI DOMANI Photo Credit: Getty Images