Wta Praga - Halep completa l'opera, Mertens ko in finale. Brady vince a Lexington



by   |  LETTURE 1622

Wta Praga - Halep completa l'opera, Mertens ko in finale. Brady vince a Lexington

Si era fermata con la vittoria sul cemento di Dubai, ha ricominciato a muoversi con la vittoria sulla terra di Praga. Simona Halep, che ha ovviamente avuto bisogno di sgrassare gli ingranaggi a cavallo tra il primo e il secondo turno, nonostante le circostanze è riuscita a rispettare i tempi e i modi del copione e ad aggiungere la ventunesima perla alla collana dei titoli in carriera.

La numero otto sul rosso. Niente da fare per Elise Mertens, che dei quattro precedenti aveva vinto curiosamente il più significativo a Doha nella passata stagione, poco lucida nei momenti più importanti della sfida.

In realtà la numero uno del seeding rimedia a una falsa partenza nella frazione inaugurale e stabilisce le gerarchie più ovvie con un mega-parziale di 6-0. E anche se non sfrutta un break di vantaggio in due occasioni nel secondo, riesce a mantenere degli standard estremamente alti in risposta e ad assestare la spallata decisiva ai piedi del jeu decifis.

Finisce di fatto 6-2 7-5. Ricordiamo che entrambe figurano nell’entry list dello Slam newyorkese (e del Premier di Cincinnati che si giocherà ugualmente nella “bolla” di Flushing Meadows) ma che entrambe non hanno ancora preso una decisione definitiva.

Halep allo Us Open guiderebbe il seeding (dato il forfait già annunciato di Ashleigh Barty) Mertens difenderebbe invece anche il successo nel tabellone di doppio insieme ad Aryna Sabalenka.

A Lexington vince la sorpresa Brady

Il torneo della ripartenza negli States va in archivio con una vittoria assolutamente inedita e inaspettata, quella di Jennifer Brady.

La venticinquenne nativa di Harrisburg – che al massimo aveva raggiunto le semifinali a Hong Kong, Nottingham e Dubai tra il 2017 e il 2019 – alla prima finale in carriera ottiene infatti il massimo risultato.

Poco da fare per Jil Teichmann, campionessa lo scorso anno a Palermo, capace di rendersi pericolosa in risposta solo nel primo set. Il 6-3 6-4 finale è in qualche modo un manifesto. CLICCA QUI PER CONSULTARE TUTTI I RISULTATI DI GIORNATA E IL PROGRAMMA DI DOMANI Photo Credit: Getty Images