Bianca Andreescu atleta canadese dell’anno: “Per me un onore”



by   |  LETTURE 859

Bianca Andreescu atleta canadese dell’anno: “Per me un onore”

Nel dicembre del 2018, un allora sconosciuta Bianca Andreescu si aggirava attorno alla 150° posizione del ranking WTA: nessuno poteva prevedere l’incredibile ascesa di cui sarebbe stata protagonista l’anno successivo.

Dodici mesi dopo, eccola infatti ricoprire il quinto gradino della classifica mondiale (è stata anche 4° due mesi fa), dopo i primi successi della sua giovane carriera conseguiti a Newport, Indian Wells, Toronto ed agli Us Open, prima giocatrice canadese a conquistare un titolo Slam.

Il bilancio definitivo vittorie/sconfitte per questo 2019 sarà per lei un ottimo 48/7, con più di sei milioni di dollari conquistati in montepremi. Adesso, poche ore fa, Andreescu è risultata anche la vincitrice del prestigioso Lou Marsh Trophy, che annualmente premia il miglior atleta canadese della stagione: “Sono davvero grata per aver ricevuto questo trofeo”, ha detto la diciannovenne.

“Non me lo aspettavo ed essere la prima tennista ad averlo vinto rende il tutto ancora più surreale. Non vedo l’ora che arrivi il 2020, sono sempre orgogliosa di rappresentare il Canada ai massimi livelli nello sport”.

Il Lou Marsh Trophy, nato nel lontano 1936, è composto da una giuria di 30 giornalisti e ha visto quest’anno anche la partecipazione della golfista Brooke Henderson, del giocatore di hockey Jordan Binnington, del velocista Andre de Grasse e del giocatore di baseball Mike Soroka, tutti risultati poi nettamente sconfitti dalla giovane Andreescu.