Maria Sharapova tra tennis e marketing: “Spero di essere al top nel 2020”



by   |  LETTURE 1535

Maria Sharapova tra tennis e marketing: “Spero di essere al top nel 2020”

L’ultima apparizione ufficiale su un campo da tennis della trentaduenne Maria Sharapova risale ormai al 27 agosto scorso, quando al primo turno degli Us Open venne letteralmente annichilita da una Serena Williams ancora troppo superiore, con il durissimo punteggio di 6-1 6-1.

Quattro mesi dopo, la bella siberiana tornerà adesso a competere agli Hawaii Open 2019, che si terranno allo Stan Sheriff Center di Honolulu dal 26 al 28 dicembre prossimi: “Ogni scusa per andare alle Hawaii è una buona scusa”, ha dichiarato la Sharapova, “soprattutto quando riesci a metterti in gioco in qualcosa che ami e che rappresenta la tua professione.

Non ho mai giocato qui, perciò credo che sarà davvero un’esperienza molto bella”. In effetti, la russa non aveva mai partecipato al torneo prima d’ora ed alle Hawaii era andata in passato solo per godersi l’oceano e un po’ di riposo.

“Sarà davvero un viaggio di lavoro questo per me”, ha proseguito la Sharapova. “Probabilmente questo è uno dei momenti più importanti della stagione. Viene subito dopo la off-season in cui fai molto allenamento e ti prepari per andare in Australia e presentarti in ottima forma”.

La Sharapova, che a soli 6 anni si trasferì dalla Russia agli Stati Uniti, ha amesso di essere sempre stata abituata al mare e alla spiaggia: “Sono sempre cresciuta nell’acqua – la mia infanzia è stata sulla sabbia nera di Sochi, poi ho trascorso i miei primi anni da adolescente in Florida, sono stata nel Golfo del Messico, poi ancora in California”.

Maria, che in carriera ha guadagnato 38 milioni di dollari in montepremi, è una delle atlete più pagate del mondo secondo la rivista Forbes, grazie anche alle sue numerose sponsorizzazioni con marchi come Nike, Evian e Porsche.

Inoltre, nel 2012 ha anche creato la sua linea personale di caramelle: l’ormai nota ‘Sugarpova’, in onore di quelle leccornie che usava gustarsi da piccola dopo una lunga giornata sul campo da tennis: “Mi ricorda quando mi premiavo per aver fatto un buon lavoro o per essermi comportata bene”, ha detto.

Recentemente, anche una nuova collaborazione con la Nike: “Qualche anno fa, Nike mi ha chiesto se avrei progettato questo modello di scarpa e se lo avrei messo sul mercato. Mi sono detta: ‘Wow, questa sì che è un’opportunità!’.

E’ andato tutto molto bene, questo è stato il nostro terzo lancio”. Ma non è finita qui: ancora più recente la nuova partnership con l’architetto Dan Meis: “Ogni volta che arrivavo in una città”, ha spiegato la Sharapova, “ero molto più interessata ad andare in un teatro, in un museo o a vedere un edificio.

Amavo inseguire le creazioni di Frank Gehry per tutto il mondo”. La russa ha quindi concluso parlando della prossima stagione tennistica: “Il mio obiettivo professionale adesso è quello di essere in forma ed in salute dopo aver avuto due anni davvero impegnativi in seguito all’infortunio alla spalla.

La salute è stata una parte molto importante della mia carriera, perciò spero che il 2020 sia un buon anno anche sotto quell’aspetto”.