Wta Cincinnati - Osaka, Barty e Pliskova si sfidano a distanza. Esce Halep


by   |  LETTURE 1067
Wta Cincinnati -  Osaka, Barty e Pliskova si sfidano a distanza. Esce Halep

In controtendenza rispetto all’evoluzione del tabellone maschile, il quadro dei quarti nel Western&Souther Open di Cincinnati – sponda rosa – si allinea con tre delle prime quattro teste di serie. Va male solo a Simona Halep (tre volte finalista del torneo) battuta da una splendida Madison Keys ai piedi del tie break nel terzo set.

La statunitense – reduce da una sconfitta con match point in Canada – in una partita che va a strappi riesce a fare la differenza nei clutch moments. Anche se non sfrutta un vantaggio di 3-0 (e nemmeno una palla per il doppio break) e spreca un match point sul 5-4, recupera tre quindici di svantaggio nel dodicesimo game e alla fine sigilla il successo sul 6-1 3-6 7-5.

Non molla di un centimetro e rimane in scia della connazionale anche Venus Williams. L’ennesima dimostrazione di forza della Venere Nera passa da una rimonta ai danni di Donna Vekic. Recupera un set di svantaggio, chiude con un mega-parziale di 4-0 e mantiene viva la lotta per la prima piazza del ranking.

Ashleigh Barty, in una complicatissima sfida con Anett Kontaveit, fa valere la maggiore esperienza e raggiunge così Maria Sakkari ai quarti di finale a Cincinnati. La tennista greca non si libera dei panni della maratoneta e dopo Petra Kvitova annota sul taccuino delle vittime anche Aryna Sabalenka.

Alla bielorussa non è sufficiente annullare venti palle break. Karolina Pliskova sfrutta invece uno spicchio di tabellone più morbido e sostanzialmente con lo stesso modus operandi non perde di vista l'obiettivo grosso.

Battuta Rebecca Peterson in due set. Dopo i problemi di natura fisica, e quelli legati al passaporto, Svetlana Kuznetsova libera di qualche peso, lascia tre game a un’irriconoscibile Sloane Stephens e raggiunge i quarti per la terza volta in carriera in Ohio.

La seconda maratona settimanale di Naomi Osaka (relegata sul Campo 10) ha invece un peso specifico importante. La pazienza è infatti un elemento a cui non rinuncia nella sfida con Su Wei Hsieh – che l’aveva fatta impazzire a Miami al rientro dalla vittoria a Melbourne Park – battuta con un laborioso 7-6(3) 5-7 6-2 nonostante un brutto passaggio a vuoto nel secondo set.

A questo punto del torneo le cose potrebbero farsi molto complicate per la numero uno del mondo, nello stesso spicchio di tabellone orbita Sofia Kenin. La statunitense supera infatti Elina Svitolina nonostante un po’ di paura ai piedi del traguardo e si dimostra una delle ragazze più on fire nel Circus.

Di fatto, con un set e un break di vantaggio da custodire, spreca un match point nel decimo game e trova le soluzioni giuste per chiudere la pratica al tie break. Per la statunitense si tratta del dodicesimo successo negli ultimi quindici incontri, il saldo negli head to head con la giapponese è perfettamente in parità.

Clicca qui per tutti i risultati di giornata Photo Credit: WTA Tour