Che festa per la Vondrousova: accoglienza da eroina a Praga


by   |  LETTURE 823
Che festa per la Vondrousova: accoglienza da eroina a Praga

La rivelazione dell'anno del circuito WTA proviene dalla Repubblica Ceca e risponde al nome di Marketa Vondrousova. Sembrano essersene accorti anche in patria, soprattutto dopo l'impresa e la finale raggiunta da Marketa al Roland Garros.

D'altronde la tennista ceca, aveva mostrato i suoi notevoli progressi già qualche settimana fa al Foro Italico arrivando sino alla semifinale. La finalista dell'Open di Francia, dopo le imprese parigine, ha ricevuto un caloroso benvenuto al rientro nella sua Repubblica Ceca trovando numerosi media locali riuniti a Praga, per una conferenza stampa con protagonista proprio la stella nascente e il suo team.

Anche se la diciannovenne non è tornata a casa con il trofeo, ha avuto decisamente vari motivi per festeggiare: ha battuto quattro giocatrici teste di serie, non ha perso un set nelle prime sei partite, ed ora è pure entrata nella top 20 della WTA, raggiungendo il suo best ranking al n°20.

La Vondrousova sembra stia realizzando tutto adesso, a torneo finito ed esordisce così: "Sono felice ora, molto stanca, ma felice. Tutte le pressioni che sentivo sulle mie spalle fino a ieri sono finalmente crollate e con loro anche la sensazione di stress che mi portavo dietro, ora che il torneo è finito.

Sono quindi stanca, ma mi sto godendo l'esperienza e l'impresa conquistata" Nonostante la strada in discesa verso la finale, la ceca si è ritrovata surclassata dall'australiana Ashleigh Barty nella finale di sabato, non riuscendo mai ad entrare in partita, finendo per cedere 6-1,6-3.

Ma la Vondrousova è rimasta tutt'altro che delusa dalla sua finale: non considerando il punteggio, ma i soli risultati ottenuti che l'hanno spinta così in alto in classifica, tra poche settimane, a Wimbledon e per la prima volta, sarà testa di serie in un Grande Slam.

"Il mio obiettivo principale all'inizio del 2019 era quello di giocare un'intera stagione senza infortuni, e questo sta andando abbastanza bene finora", ha detto. "L'obiettivo principale è rimanere in salute per la restante parte dell'anno.

Parte del team della Vondrousova era presente alla conferenza stampa di Praga, tra cui l'allenatore Jan Hernych, che l'ha accompagnata a Parigi, e Jiří Hřebec, che condivide le mansioni di allenatore con Hernych, ma non viaggia spesso insieme a loro.

Entrambi gli allenatori della Vondrousova sono ex giocatori ATP, ma l'esperienza di raggiungere la seconda settimana di un Grande Slam, per non parlare della finalissima, è stata una novità anche per loro.

Quando Marketa è entrata nella stanza, la tennista ceca ha ricevuto una standing ovation e due mazzi di fiori, tra cui 100 rose rosse dal suo team. "Non ho mai ricevuto 100 rose nella mia vita", ha tenuto a precisare la Vondrousova: "Ne ho comprate un pò una volta per mia mamma il giorno della sua festa, ma questa è la prima volta che le ricevo, ed è bellissimo"

"Ho avuto modo di vivere soltanto due volte la sensazione di partecipare ad una seconda settimana da giocatore, e successe nel doppio", ha ammesso Hernych. Hřebec ha poi aggiunto: "Sapevo di cosa fosse capace Markéta, ma non mentirò, non mi aspettavo per nulla che potesse raggiungere un risultato del genere all'inizio della sua carriera"

Dopo questo vortice di emozioni parigine durato due settimane, adesso, con Wimbledon all'orizzonte, la Vondrousova ed il suo team stanno pensando di prendersi una pausa dai campi da tennis per qualche giorno, anche se l'allenatore Hřebec ha già individuato alcuni aspetti da migliorare nel gioco della 19enne: "Dobbiamo lavorare sul servizio, questo è sicuro e poi so esattamente su cosa lavorare, ma non lo dico, perché tutte le altre giocatrici sarebbero grate dell'informazione"

Strategie chiare dunque per la tennista ceca: riposarsi il ​​più possibile prima di tornare sui campi in erba. "Ho bisogno di un paio di giorni liberi per rilassarmi completamente", ha detto. "Vado a casa per due o tre giorni per vedere la mia famiglia, specialmente mia sorella Julia, non vedo l'ora di abbracciarla.

Non farò nessun attività fisica, poi inizierò lentamente la ripresa degli allenamenti e inizierò la mia preparazione per la stagione in erba."