Wta Wuhan - Sabalenka inarrestabile! Primo titolo Premier 5 e best ranking



by   |  LETTURE 1826

Wta Wuhan - Sabalenka inarrestabile! Primo titolo Premier 5 e best ranking

Il tornado Aryna Sabalenka non accenna ad arrestarsi. Dopo aver conquistato il suo primo titolo in carriera nel Wta Premier di New Haven, la bielorussa si regala il bis appena un mese dopo e in una cornice ancora più prestigiosa, nel torneo Premier 5 di Wuhan.

Con un duplice 6-3 ai danni di Anett Kontaveit, la classe ’97 centra la 30ma vittoria stagionale sul cemento (nessuna come lei) e diventa la prima bielorussa e la giocatrice più giovane a trionfare qui in cinque edizioni del torneo.

Anche la cavalcata di Aryna nella classifica Wta procede inarrestabile: da lunedì la bielorussa ritoccherà infatti il proprio best ranking, salendo in 16ma posizione e superando, tra le altre, Serena Williams.

Per Kontaveit si tratta invece della terza sconfitta su quattro finali disputate in carriera. È un solo break a decidere il primo set, quello che la bielorussa incassa a 15 nel quarto gioco. Sabalenka, che avrebbe anche a disposizione la palla del doppio break di vantaggio nel sesto game, non concede niente nei propri turni di battuta, mentre Kontaveit paga il drammatico rendimento con la prima di servizio, colpo dal quale l’estone ricava appena il 36% dei punti.

Nel secondo set si procede sulla scia dei servizi fino al proverbiale settimo game, quando una scatenata Sabalenka infila un poderoso allungo di tre game consecutivi, che le permette di intascare il duplice 6-3 dopo meno di un’ora e un quarto di monologo.

Poche ore prima, nel Wta International di Tashkent, si era completata la favola di Margarita Gasparyan, che dopo un calvario durato tre stagioni torna a vincere un titolo Wta a più di tre anni dalla prima e ultima volta.

La russa domina in finale con la giovane connazionale Anastasia Potapova, travolta con un impietoso 6-2 6-1 in appena 63 minuti di partita, bissa il successo di Baku del 2015 e diventa la seconda giocatrice con ranking più basso della storia del tennis femminile capace di vincere un titolo nel circuito maggiore: ce l’ha fatta da numero 299 del mondo, meglio di lei solo Angelique Widaja, che trionfò a Bali nel 2001 addirittura da numero 597.

La classifica deficitaria della classe ’94, ex numero 41 del mondo, era frutto delle tre operazioni al ginocchio che l’hanno costretta lontana dai campi nelle ultime stagioni e che l’hanno anche spinta a meditare l’opzione ritiro.

Da oggi parte invece una nuova vita tennistica per Margarita, che da domani sarà 138 del mondo, grazie al clamoroso balzo di +161 posizioni che il successo odierno in Uzbekistan le ha regalato. Si tratta inoltre del terzo trionfo russo a Tashkent, dopo quelli di Kudrjavceva e Pervak nel biennio 2010-2011.


Clicca qui per visualizzare i risultati delle finali dei tornei Wta di Wuhan e Tashkent

↓ VISUALIZZA RISULTATI ↓