Halep: “In finale sembravo pazza, la forza mentale ora fa la differenza”


by   |  LETTURE 1847
Halep: “In finale sembravo pazza, la forza mentale ora fa la differenza”

Simona Halep ha vinto ancora una volta contro Sloane Stephens, in tre set, nella finale di Montreal. La rumena si è imposta con il punteggio di 7-6 3-6 6-4, in un match simile a quello giocato quest’anno al Roland Garros.

Nessun dubbio sul fatto che la Stephens abbia disputato un ottimo torneo, ma alla fine soltanto una tennista può uscire trionfante da una finale. La Halep ha dimostrato di valere la posizione numero 1 della classifica Wta, e per ovvie ragioni è apparsa molto sollevata dopo aver battuto la tennista americana.

Queste le sue dichiarazioni: “Penso di essere migliorata in tutto, anche fisicamente sono più forte. Non faccio niente di speciale, ma ogni giorno lavoro in palestra e sono costante. Mi sono sentita stanca durante le partite, ma ho abbastanza ritmo e potenza nei muscoli da resistere.

In campo, anche alcuni colpi come il servizio e il dritto mi sono sembrati migliori. Insomma, si, in generale mi sento cresciuta”. In seguito, la rumena ha aggiunto: “Mentalmente sto bene, forse è per questo che sono in grado di vincere.

Ho davvero iniziato a godermi il tempo in campo, sono più rilassata e non penso più al risultato, anche se in finale sembravo pazza, stavo parlando troppo. A Wimbledon ero un po’ giù, ma ho dimenticato in fretta quel torneo e non ho toccato la racchetta per tre settimane.

Sono venuta qui con il giusto spirito e il desiderio di tornare a giocare, questo ha fatto la differenza in positivo”. Dall'altra parte, Sloane Stephens ha provato ad analizzare la partita partendo dagli aspetti positivi della sua settimana: “Penso di aver giocato bene.

Ovviamente in una finale ti aspetti partite del genere, super competitive e con tanta energia. Purtroppo non ho vinto, ma penso che migliorerò dopo questa sconfitta, come sono cresciuta dall’ultima finale persa.

E’ deludente, ma tutto questo mi aiuterà ad andare avanti ed essere pronta per Cincinnati e gli US Open. Posso comunque dire di essere orgogliosa di me stessa per quello che ho dimostrato questa settimana” L’americana ha proseguito la conferenza stampa soffermandosi sui suoi progressi: “Un anno fa, quando ho giocato qui, ero più o meno 900 del mondo.

Ora sono la numero 3 della classifica, sto giocando un buon tennis, e spero di migliorare ancora. Se continuerò su questa strada, penso che le cose andranno bene”. .