Buzarnescu forfait agli US Open: caviglia ko, colpa dell'arbitro


by   |  LETTURE 3630
Buzarnescu forfait agli US Open: caviglia ko, colpa dell'arbitro

Non è stata una piacevole scena quella vista mercoledì a Montreal, quando la rumena Mihaela Buzarnescu ha riportato un terribile infortunio alla caviglia.

Su Twitter, la giocatrice ha fornito importanti aggiornamenti sulle sue condizioni. Fortunatamente niente ossa rotte, ma le hanno riscontrato vari danni ai legamenti. Ora dovrà riposare e saltare l’ultimo Slam stagionale, sperando di rivederla in campo per i tornei in Asia.

La rumena aveva chiesto di interrompere il match pochi minuti prima di scivolare e farsi male sul terreno reso impervio dalla pioggia, ma la giudice di sedia non le ha dato retta commettendo un grave errore, che oltre ad aver rovinato il match quando la contesa era sul 3-4 del terzo set, impedirà alla Buzarnescu di andare a Flushing Meadows.

In quella sfortunata partita che ha visto la Buzarnescu lasciare il campo dolorante, dall’altra parte della rete c’era Elena Svitolina, che ha soccorso immediatamente l’avversaria. L’ucraina ha dichiarato: “E’ stato davvero difficile assistere a quella scena.

Ho capito subito che si trattava di un grave infortunio, sono rimasta scioccata. Lei stava soffrendo, non sapevo cosa fare, ho provato ad aiutarla, a calmarla un po’. E’ terribile vedere giocatori farsi male così tanto in campo.

C’era anche del sangue in campo, nemmeno l’arbitro sapeva come poteva rendersi utile, ogni secondo la caviglia diventava sempre più grande” In seguito, la Svitolina ha aggiunto: “Per il fisioterapista, è difficile arrivare in campo rapidamente.

In generale però, ci deve essere sempre qualcuno addestrato dal punto di vista medico in campo, perché i giocatori e il giudice di sedia non sanno come agire nelle situazioni in cui ci sono ferite serie. Ho la pelle d’oca, forse anche noi dovremmo seguire dei corsi per essere pronti in circostanze del genere.

E se qualcuno ha un attacco di cuore? Devi agire all’istante, non dopo cinque o sei minuti”

.