WTA ISTANBUL - Parmentier torna a vincere un titolo dopo quasi dieci anni


by   |  LETTURE 1152
WTA ISTANBUL - Parmentier torna a vincere un titolo dopo quasi dieci anni

A quasi dieci anni di distanza dall’ultima volta, arriva inatteso il terzo titolo in carriera per Pauline Parmentier nuova campionessa del WTA di Istanbul al termine di una settimana a dir poco sconvolgente dal punto di vista delle emozioni.

La 32enne di Cucq bissa così i trionfi ottenuti entrambi sulla terra battuta rispettivamente a Tashkent nel 2007 e a Bad Gastein nel luglio dell’anno successivo, oltre a dimostrare ancora una volta quanto si possa essere competitivi anche una volta superata la soglia dei trent’anni.

Nella rivincita dell’unico precedente andato in scena a Bogotà nel lontano 2011, la portacolori transalpina ha infatti resistito al coraggioso tentativo di rimonta messo in atto dalla slovena Polona Hercog fino ad imporsi grazie al punteggio conclusivo di 6-4 3-6 6-3 in due ore e quindici minuti.

Trattandosi di una finale tra due giocatrici non comprese fra le teste di serie, l’importanza della posta in palio ha contribuito a rendere la gara ancor più testa di quanto non fosse lecito attendersi alla vigilia. L’attuale numero 75 del ranking si giocava il terzo sigillo a livello WTA dopo la doppietta a Bastad a cavallo tra il 2011 e il 2012.

L’avvio è stato decisamente più favorevole alla Parmentier, incapace tuttavia di sfruttare per ben due volte un break di vantaggio nonostante gli innumerevoli errori gratuiti commessi dalla rivale piuttosto spenta da fondo campo.

L’allungo infilato da Pauline nel fatidico settimo game ha però rappresentato lo snodo cruciale, preludio di un filotto mortifero che si è prolungato anche nelle fasi inaugurali del secondo parziale. Avanti di un set e di un break, un nuovo colpo di scena ha reso incandescente il proseguimento di un match apparentemente avviato all’epilogo.

Hercog ha ripreso nuova linfa contro ogni aspettativa, tanto da piazzare addirittura una striscia di quattro game consecutivi proprio quando ormai il traguardo sembrava alla portata della sua avversaria. La terza frazione ha assunto presto i connotati di un’autentica lotteria.

La prima a mettere il naso avanti è stata la 27enne di Maribor, obbligata a fare i conti subito dopo con la veemente reazione della Parmentier abile a scrollarsi finalmente di dosso la pressione accumulata negli ultimi minuti. Un pizzico di continuità le è bastato per sollevare le braccia al cielo davanti al rumoroso pubblico turco.

Quest’ultima scavalca la connazionale Kiki Mladenovic alla voce titoli conquistati nel circuito maggiore eguagliando Sandrine Testud ed Èmilie Loit, a cui si aggiunge l’ulteriore soddisfazione di rientrare in Top 100 a partire da domani (sarà numero 76).