WTA TOKYO - Caroline Wozniacki in grande spolvero! Osaka battuta e torneo conquistato


by   |  LETTURE 1586
WTA TOKYO - Caroline Wozniacki in grande spolvero! Osaka battuta e torneo conquistato

Caroline Wozniacki vince e convince. La danese, come aveva già dimostrato agli Us Open, è in grande forma e lo conferma conquistando il Wta Premier di Tokyo (Giappone, cemento), ventiquattresimo titolo in carriera e top venti he si avvicina sempre di più (domani sarà numero ventidue del ranking).

In finale ha sconfitto la cenerentola di questo torneo, la giapponese Naomi Osaka, diciotto anni e alla prima finale in carriera. Una partita comunque molto lottata soprattutto nella prima frazione di gioco con la Osaka che ha creato diversi grattacapi alla danese visto che è stata per ben due volte avanti di un break.

La Wozniacki è stata molto brava a rispondere colpo su colpo e a non far scappare via la sua avversaria, impattando sul 4-4. Il momento decisivo lo si è vissuto tra l'undicesimo e il dodicesimo game del primo set quando la Wozniacki ha annullato due pericolosissime palle break sul 5-5 e successivamente ha brekkato la Osaka conquistando il parziale con il punteggio di 7-5 dopo oltre un'ora di gioco.

La giapponese ha subito senza dubbio il colpo e il secondo set è stato praticamente un dominio della Wozniacki che si è portata senza problemi sul 5-0, poi un guizzo d'orgoglio dell'asiatica a riportarsi sino al 3-5, ma ormai è troppo tardi: la danese alza le braccia al cielo, 7-5 6-3 dopo un'ora e quarantotto minuti di gioco. A Seoul (Corea del Sud, cemento) trionfa Lara Arruabarrena che batte in tre set la quinta testa di serie, la romena Monica Niculescu.

E lo fa dopo una partita davvero molto strana, altalenante che ha visto dominare totalmente la prima frazione di gioco dalla spagnola per 6-0. Poi c'è stato il ritorno della Niculescu che ha chiuso il secondo set per 6-2 rimandando il verdetto finale al terzo e decisivo set.

Grande lotta nel parziale finale? Macchè, secondo 6-0 della tennista di San Sebastian e secondo titolo in carriera conquistato con tanto di best ranking (numero 61 del mondo).