Wimbledon annuncia le sanzioni ai danni di Stefanos Tsitsipas e Nick Kyrgios



by   |  LETTURE 19063

Wimbledon annuncia le sanzioni ai danni di Stefanos Tsitsipas e Nick Kyrgios

La battaglia del terzo turno di Wimbledon fra Stefanos Tsitsipas e Nick Kyrgios ha riservato diverse sorprese e colpi di scena. Il risultato del campo ha portato l'australiano ad avanzare ancora nel tabellone principale e il greco a rinviare nuovamente al prossimo anno l'occasione di ottenere un traguardo importante nello Slam londinese.

Una partita tanto discussa nella serata di sabato e per tutta la mattinata di domenica 3 luglio per i diversi episodi poco sportivi accaduti durante il match e lo scontro a distanza tra i due giocatori in conferenza stampa e sui social.

Il nativo di Atene si è reso protagonista di una pallata spedita verso il pubblico, sfiorando alcuni spettatori, e di aver cercato di colpire il suo avversario diverse volte negli scambi. Sull'altro fronte il 27enne, più lucido e intelligente nel comprendere i binari che stava prendendo il confronto, ha protestato più di una volta col giudice di sedia per i comportamenti del rivale, chiedendo anche una squalifica.

Wimbledon ha ufficializzato i provvedimenti disciplinari per i due atleti dopo la gara disputata. Il torneo ha deciso alla fine di sanzionare entrambi: Tsitsipas, numero 5 al mondo, ha rimediato una multa di 10 mila dollari per abuso di palla (riferito proprio all'episodio della pallata); 'solo' 4 mila dollari per Kyrgios per abuso verbale.

A riportare la notizia anche il giornalista del New York Times Ben Rothenberg.

Il duello in conferenza stampa

I tennisti hanno fatto discutere il mondo del tennis per le accuse reciproche in conferenza stampa.

Il greco ha 'giustificato' il suo comportamento davanti ai media, rivolgendo parole pesanti verso Nick: "È bullismo nei confronti degli avversari, lui stesso lo era forse a scuola. Parla in continuazione, grida, provoca...

Alla lunga non lo sopporti più. Ha un lato malvagio che può fare male alle persone, lo fa apposta per entrarti in testa" ha dichiarato. La risposta dell'australiano poi non si è fatta attendere: "È stato lui a tirarmi le palline, è stato lui a colpire uno spettatore.

Io non ho fatto niente. Se fosse accaduto il contrario, sarei stato squalificato. Lui ha creato il circo, perché dovrei scusarmi? Voglio vedere di quanto sarò multato" è stata la replica di Kyrgios, che ha scoperto in queste ore la sanzione nei suoi confronti.