Wimbledon - Alcaraz rialza la testa. Per Sinner c'è Isner, out Cocciaretto



by   |  LETTURE 2395

Wimbledon - Alcaraz rialza la testa. Per Sinner c'è Isner, out Cocciaretto

Con la sconfitta di Elisabetta Cocciaretto, alla squadra azzurra sui prati dei Championships rimangono 'solamente' Lorenzo Sonego e Jannik Sinner. Costretto a faticare più del previsto contro Mikael Ymer. Niente da fare per la marchigiana dopo il successo nel derby con Martina Trevisan, battuta peraltro con un nettissimo 6-2 6-0 in poco più di settanta minuti.

Passa la rumena Irina Begu con un 6-4 6-4, figlio di due break spalmati chirurgicamente. Unico tentativo di rimonta da parte della tennista azzurra sul 3-4, a un passo dalla sconfitta. Non sa di sorpresa il successo di Caroline Garcia - campionessa a Bod Hamburg - ai danni di Emma Raducanu sul Centre Court.

Medesimo discorso e destino per Garbine Muguruza, che resiste sostanzialmente un set contro Greta Minnen. Emblematico a ogni modo il 6-4 6-0 finale. Gli americani la chiamano bonariamente confidence. Ecco: qualora Alcaraz dovesse aggiungere al pacchetto anche quella prima della seconda settimana, le cose per Nadal e Djokovic - nella ristrettissima cerchia dei favoritissimi - potrebbero farsi complicate.

Il talentino spagnolo, alla seconda esperienza in carriera sui prati inglesi, dopo la folle vittoria al primo turno con Jan-Lennard Struff vince una partita di pura tigna contro Tallon Griekspoor, giustiziere di Fabio Fognini all'esordio.

Alcaraz, che domina il tie break di un secono set gestito dal servizio, dilaga nel terzo e sigilla il successo sul 6-4 7-6(0) 6-3 alla soglia delle due ore di gioco. Derby serbo al terzo turno per Novak Djokovic - chiamato alla sfida con Miomir Kecmanovic - a Jannik Sinner invece toccherà la sfida con John Isner, che nella parte finale di giornata sul Campo Centrale supera in quattro set Andy Murray.

Il due volte campione del torneo riesce a trascinare in qualche modo la partita al quarto set: il quarto si rivela però fatale per il padrone di casa, che paga un break in apertura e che non riesce più a rimettere in sesto il punteggio nonostante un 15-30 proprio nel game finale. Finisce 6-4 7-6(4) 6-7(3) 6-4 dopo quasi tre ore di gioco con tanto di interruzione. Photo Credit: Getty Image