Wimbledon Q - L'Italia perde 10 pedine nel day-1. Avanzano in 6



by   |  LETTURE 690

Wimbledon Q - L'Italia perde 10 pedine nel day-1. Avanzano in 6

Sei vittorie e dieci sconfitte con un derby di mezzo. Questo il bilancio nel day-1 dedicato interamente agli uomini sui prati di Roheampton per le qualificazioni di Wimbledon.
Tutto estramemnte facile per Federico Gaio, che si sbarazza di Yuchi Sugita con un rocciosissimo 6-4 6-2 e raggiunge al secondo turno Dennis Novak.

Salvatore Caruso rimedia a una falsa partenza contro Horansky e dopo un secondo set del tutto povero di grattacapi griffa il successo sul 4-6 6-1 6-3. Insidiosa adesso la sfida con lo statuintense Mitchell Kruger al secondo turno.

Dopo quattro sconfitte consecutive al primo turno, Andrea Pellegrino ritorna a vincere un match nel tabellone cadetto di uno Slam. Anche se condensa la stragrande maggioranza delle difficoltà nel secondo set, il tennista azzurro evita il tie break e chiude sul 6-3 7-5.

Maximilan Marterer il secondo ostacolo. Andreas Seppi, che aveva interrotto la lunghissima striscia di partecipazioni Slam consecutive sul mattone rosso di Bois de Boulogne, riposa lo sguardo sul Main Draw dei Championships: nonostante un buco nel cuore del secondo set, il tennista altoatesino supera Mirza Basic con un 6-2 4-6 6-0.

Vittoria d'orgoglio da parte di Andrea Vavassori, che dopo un brutto tie break contro Klahn dilaga sul 6-7 6-4 6-2. A Bonadio il derby con Arnaboldi.

Dieci sconfitte per l'Italia

Alessandro Giannessi racimola appena due game contro Grenier, sorte abbastanza simile per Lorenzo Giustino e Flavio Cobolli che muovono il punteggio solamente in un'occasione in più rispettivamente contro Mikhail Kukushkin e Nicolas Kicker.

Il numero sette del seeding Radu Albot spezza i sogni di Roberto Marcora con un 6-1 6-4, qualche recriminazione per Arnaldi che ferma a metà la rimonta contro il portoghese Borges. Fuori anche Thomas Fabbiano (battuto dal britannico Frey), Stefano Travaglia (superato invece dal brasiliano Menezes) e Franco Agamenone, che serve sul 6-5 per il primo set con risultati piuttosto scadenti.

Inevitabile poi il 7-6(2) 6-4 finale. Niente da fare per Giulio Zeppieri contro il tedesco Musur. Giornata quasi-interamente dedicata al tennis USA sui prati di Eastbourne, con il solo match tra Alex de Minaur e Christian Garin povero di presenze a stelle-e-strisce.

Passa però solo Cressy, che nel derby con Sam Querrey in apertura di giornata perde solamente quattro game. Slitta causa-pioggia a Bad Homburg