Wimbledon, Victoria Azarenka alza la voce: "Non è giusto. Voglio esserci"

La giocatrice bielorussa ha commentato la scelta presa dagli organizzatori del torneo di Wimbledon

by Antonio Frappola
SHARE
Wimbledon, Victoria Azarenka alza la voce: "Non è giusto. Voglio esserci"

Victoria Azarenka sarà una delle numerose tenniste costrette a saltare la prossima edizione del torneo di Wimbledon. Gli organizzatori dei Championships hanno infatti deciso di escludere i tennisti russi e bielorussi dallo Slam londinese a causa della guerra intrapresa dalla Russia in Ucraina.

“Ora vorrei affrontare la questione che è al centro della nostra attenzione, ovvero la volontà di negare la partecipazione a Wimbledon agli atleti russi e bielorussi. Dopo una lunga e attenta considerazione, siamo giunti a due conclusioni su cui si basano le nostre decisioni” , ha spiegato il presidente dell’All England Club Ian Hewitt.

“Anche se accettassimo la partecipazione di russi e bielorussi con dichiarazioni scritte, rischieremmo che una loro vincente partecipazione venga usata come propaganda dal regimo russo. Cosa che non potremmo accettare.

Inoltre dobbiamo garantire che ogni nostra azione non metta i giocatori o le loro famiglie a rischio. Seguendo le direttive del Governo, non c’è una valida alternativa alla decisione presa in questa tragica e particolare circostanza” .

Azarenka: "Wimbledon? Non è giusto. Voglio esserci"

La Azarenka, che ha lasciato il campo in lacrime a Indian Wells, ha espresso la sua dura opinione sulla scelta presa dagli organizzatori di Wimbledon in conferenza stampa a Madrid.

“Ho effettuato una chiamata lunga due ore con i vertici della LTA e del torneo di Wimbledon. Eravamo presenti io e tutte le altre rappresentati del Players’ Council” , ha detto la bielorussa. “È stato bello aver avuto la possibilità di parlare con loro, fare domande e capire il loro punto di vista.

Ad essere onesta, non condivido la loro presa di posizione: la trovo inutile e ingiusta nei confronti di noi atleti che lavoriamo ogni giorno per presentarci nelle migliori condizioni ai più importanti tornei dell’anno.

Voglio esserci a Wimbledon. Ho più volte espresso con fermezza il mio parere: non sono d’accordo con la guerra, mai. Non potrei mai giustificare la violenza di ogni genere e nei confronti di chiunque. Spero che la WTA possa fare qualcosa per rendere il provvedimento in merito alla nostra condizione meno duro” .

Wimbledon Victoria Azarenka
SHARE